Cronaca

Trenta migranti tra Chiavazza e Cossato

Trenta migranti tra Chiavazza e Cossato
Cronaca 23 Maggio 2015 ore 13:48

Sono arrivati, come annunciato, giovedì mattina gli ultimi trenta migranti assegnati al Biellese dopo l’ondata di sbarchi degli scorsi mesi. Con la partenza dei trenta eritrei che erano giunti la settimana scorsa la capacità ricettiva del Biellese non è andata in sofferenza. Soprattutto grazie alla disponibilità del Comune di Biella, che ha messo a disposizione l’ex scuola elementare di Chiavazza, in via Coda, e degli spazi che sono stati individuati a Cossato. Gli ultimi trenta migranti giunti sul territorio sono stati divisi proprio tra le due città più popolose del Biellese. Sono tutti provenienti da territori del centro Africa, come il Mali e la Nigeria per citarne qualcuno, ed erano già presenti sul territorio italiano da qualche tempo. Anche questo aspetto ha convinto la Prefettura a dividere il gruppo, per questioni logistiche e di sicurezza. 

Enzo Panelli

Leggi di più sull’Eco di Biella di sabato 23 maggio 2015 

Sono arrivati, come annunciato, giovedì mattina gli ultimi trenta migranti assegnati al Biellese dopo l’ondata di sbarchi degli scorsi mesi. Con la partenza dei trenta eritrei che erano giunti la settimana scorsa la capacità ricettiva del Biellese non è andata in sofferenza. Soprattutto grazie alla disponibilità del Comune di Biella, che ha messo a disposizione l’ex scuola elementare di Chiavazza, in via Coda, e degli spazi che sono stati individuati a Cossato. Gli ultimi trenta migranti giunti sul territorio sono stati divisi proprio tra le due città più popolose del Biellese. Sono tutti provenienti da territori del centro Africa, come il Mali e la Nigeria per citarne qualcuno, ed erano già presenti sul territorio italiano da qualche tempo. Anche questo aspetto ha convinto la Prefettura a dividere il gruppo, per questioni logistiche e di sicurezza. 

Enzo Panelli

Leggi di più sull’Eco di Biella di sabato 23 maggio 2015 

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter