Menu
Cerca

Tracciolino e Baraggia a fuoco

Tracciolino e Baraggia a  fuoco
Cronaca 20 Aprile 2017 ore 12:44

E’ divampato in pochi istanti e si è propagato ancor più rapidamente l’incendio che ieri ha invaso il Tracciolino. A causa del forte vento la direzione delle fiamme continuava a mutare e il rogo si è avvicinato inesorabilmente a tre cascine. Nel pomeriggio il fuoco è divampato anche in Baraggia, nella zona tra Mottalciata e Villanova Biellese. Per fortuna in entrambi i casi nessuno è rimasto ustionato né intossicato. 
In montagna l’allarme è scattato di mattina. Al Tracciolino, tra la Muanda e località Ronchetta, sono arrivati i Vigili del Fuoco i volontari dell’Aib, il Corpo anti incendi boschivi. Una trentina gli operatori del soccorso che hanno lavorato dalla mattina fino a pomeriggio inoltrato. L’incendio ha interessato un’area di circa tre ettari di bosco, sottobosco e pascolo. Anche da Biella si è vista la colonna di fumo bianco salire verso il cielo. 
In Baraggia l’allarme è scattato poco dopo le 16.30. Una ventina i volontari, tra Aib e pompieri, che sono stati impegnati nello spegnimento delle fiamme che, a causa delle raffiche di vento, si sono propagare a sterpaglie e sottobosco interessando, in pochi istanti, oltre un ettaro di terreno. Meno esteso il rogo divampato a Soprana, in frazione Baltigati, dove hanno preso fuoco sterpaglie e sottobosco e l’incendio che si è sviluppato a Coggiola, lato strada, dove sono bruciate altre sterpaglie.
Il giorno prima, martedì, Vigili del fuoco e volontari del Corpo antincendi boschivi sono intervenuti anche a Curino, a pochi passi dalla diga Asei, dove è bruciato un chilometro circa di arbusti e sterpaglie.
Sempre martedì carabinieri e Vigili del fuoco sono dovuti intervenire, insieme ai tecnici dell’Enel, in via Avogadro, a Quaregna, dove, a causa del forte vento, un albero di alto fusto è caduto sui cavi dell’alta tensione. I cavi della linea elettrica si sono appoggiati sulla strada, rappresentando un vero pericolo per passanti e automobilisti. 
Danni importanti, martedì pomeriggio, a Ponderano e Cerrione, dove le forti raffiche di vento hanno scoperchiato un’abitazione di via Blana a Ponderano e un capannone di Cerrione, in via Monte Bianco. 
Sono circa una decina gli alberi caduti sulle strade, nei comuni di Lessona, Mongrando e Casapinta. In tutti i casi sono intervenuti i Vigili del fuoco per portare la situazione alla normalità.
Secondo le previsioni di Arpa Piemonte, l’agenzia regionale per la protezione ambientale, il vento, da oggi,  dovrebbe calare e le temperature  alzarsi di qualche grado. Per oggi sono previsti cielo sereno e precipitazioni assenti. I venti saranno moderati da nord ovest a tutte le quote. La temperatura minima sarà di 6 gradi centigradi e la massima di 15. Domani, venerdì, il cielo sarà ancora sereno e le precipitazioni assenti. Lo zero termico sarà in aumento fino a 2500 metri in serata. I  venti saranno deboli o localmente moderati da nord e nord est. Temperatura minima prevista di 6 gradi centigradi, massima di 17 gradi. Sabato, 22 aprile, il cielo sarà cielo soleggiato e le precipitazioni ancora assenti. Lo zero termico sarà in ulteriore aumento, i venti saranno moderati sulle Alpi e deboli in pianura.

Shama Ciocchetti

E’ divampato in pochi istanti e si è propagato ancor più rapidamente l’incendio che ieri ha invaso il Tracciolino. A causa del forte vento la direzione delle fiamme continuava a mutare e il rogo si è avvicinato inesorabilmente a tre cascine. Nel pomeriggio il fuoco è divampato anche in Baraggia, nella zona tra Mottalciata e Villanova Biellese. Per fortuna in entrambi i casi nessuno è rimasto ustionato né intossicato. 
In montagna l’allarme è scattato di mattina. Al Tracciolino, tra la Muanda e località Ronchetta, sono arrivati i Vigili del Fuoco i volontari dell’Aib, il Corpo anti incendi boschivi. Una trentina gli operatori del soccorso che hanno lavorato dalla mattina fino a pomeriggio inoltrato. L’incendio ha interessato un’area di circa tre ettari di bosco, sottobosco e pascolo. Anche da Biella si è vista la colonna di fumo bianco salire verso il cielo. 
In Baraggia l’allarme è scattato poco dopo le 16.30. Una ventina i volontari, tra Aib e pompieri, che sono stati impegnati nello spegnimento delle fiamme che, a causa delle raffiche di vento, si sono propagare a sterpaglie e sottobosco interessando, in pochi istanti, oltre un ettaro di terreno. Meno esteso il rogo divampato a Soprana, in frazione Baltigati, dove hanno preso fuoco sterpaglie e sottobosco e l’incendio che si è sviluppato a Coggiola, lato strada, dove sono bruciate altre sterpaglie.
Il giorno prima, martedì, Vigili del fuoco e volontari del Corpo antincendi boschivi sono intervenuti anche a Curino, a pochi passi dalla diga Asei, dove è bruciato un chilometro circa di arbusti e sterpaglie.
Sempre martedì carabinieri e Vigili del fuoco sono dovuti intervenire, insieme ai tecnici dell’Enel, in via Avogadro, a Quaregna, dove, a causa del forte vento, un albero di alto fusto è caduto sui cavi dell’alta tensione. I cavi della linea elettrica si sono appoggiati sulla strada, rappresentando un vero pericolo per passanti e automobilisti. 
Danni importanti, martedì pomeriggio, a Ponderano e Cerrione, dove le forti raffiche di vento hanno scoperchiato un’abitazione di via Blana a Ponderano e un capannone di Cerrione, in via Monte Bianco. 
Sono circa una decina gli alberi caduti sulle strade, nei comuni di Lessona, Mongrando e Casapinta. In tutti i casi sono intervenuti i Vigili del fuoco per portare la situazione alla normalità.
Secondo le previsioni di Arpa Piemonte, l’agenzia regionale per la protezione ambientale, il vento, da oggi,  dovrebbe calare e le temperature  alzarsi di qualche grado. Per oggi sono previsti cielo sereno e precipitazioni assenti. I venti saranno moderati da nord ovest a tutte le quote. La temperatura minima sarà di 6 gradi centigradi e la massima di 15. Domani, venerdì, il cielo sarà ancora sereno e le precipitazioni assenti. Lo zero termico sarà in aumento fino a 2500 metri in serata. I  venti saranno deboli o localmente moderati da nord e nord est. Temperatura minima prevista di 6 gradi centigradi, massima di 17 gradi. Sabato, 22 aprile, il cielo sarà cielo soleggiato e le precipitazioni ancora assenti. Lo zero termico sarà in ulteriore aumento, i venti saranno moderati sulle Alpi e deboli in pianura.

Shama Ciocchetti

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli