via gorei

Tipografo lascia ospedale e finisce in carcere

E’ finito direttamente tra le mura del carcere di viale dei Tigli con l'accusa di tentato omicidio della compagna

Tipografo lascia ospedale e finisce in carcere
Biella Città, 12 Febbraio 2020 ore 19:20

Tipografo lascia ospedale e finisce in carcere.

Accusato di tentato omicidio della compagna

E’ stato dimesso dall’ospedale ed è finito direttamente tra le mura del carcere di viale dei Tigli, Giancarlo Favero, 66 anni, di Biella, tipografo a due mesi dalla pensione, accusato di tentato omicidio della compagna che avrebbe colpito in testa con un ferro da stiro per poi cercare di strangolarla con il cavo dello stesso elettrodomestico. Ieri mattina l’indagato ha incontrato in carcere il suo legale, avvocato Claudia Botto Steglia. E’ apparso ancora dolorante per le ferite (è stato portato nella sala d’aspetto in sedia a rotelle), incredulo e sconvolto per ciò che ha combinato. Favero non ha una casa, viveva con la compagna nell’appartamento al terzo piano della palazzina signorile di via Gorei. Il difensore non ha pertanto potuto per il momento presentare istanza al giudice di arresti domiciliari in quanto il suo cliente non avrebbe per il momento un posto dove stare.

Tutti i dettagli in edicola domani su Eco di Biella.

LE ALTRE NOTIZIE NELLA HOME

SU FACEBOOK ISCRIVITI AL NOSTRO GRUPPO prima BIELLA

SU TWITTER SEGUI @ecodibiella

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei