Menu
Cerca

Telefoni muti, Roppolo dice basta

A Roppolo esiste un problema che, dopo anni di lamentele e mancate risposte come a Borriana, non accenna a risolversi.

Telefoni muti, Roppolo dice basta
Basso Biellese, 17 Agosto 2019 ore 08:30

Telefoni muti, Roppolo dice basta.

A Roppolo cresce la rabbia per i guai della telefonia

Altro che arrivo della fibra ottica. A Roppolo esiste un problema che, dopo anni di lamentele e mancate risposte come a Borriana (argomento trattato in un articolo di alcuni mesi fa su Eco, ndr), non accenna a risolversi: quello della carenza di segnale per la telefonia, fissa e mobile. A parlarne è il sindaco, Renato Corona (nella foto), stanco del protrarsi di una situazione che riguarda il suo Comune: «Abbiamo tutte le linee telefoniche di Telecom con cavi interrotti aggiustati in maniera sommaria - afferma il primo cittadino eletto nel maggio scorso - ci sono fili rimessi insieme con del nastro isolante e ogni volta che ci sono temporali e vento forte ci sono interruzioni significative con persone che rimangono senza possibilità di comunicare via telefono dalla propria abitazione. Stessa cosa accade negli uffici comunali, a volte rimaniamo alcuni giorni senza poter telefonare».

Le risposte

Corona, così come la precedente amministrazione, si sono spesso rivolti a Telecom (anche se il problema riguarda tutte le compagnie di telefonia fissa e mobile, ndr) senza ottenere riscontri positivi: «Le risposte che abbiamo avuto sono sempre le stesse, cioè che Telecom non intende effettuare investimenti ma mantiene una manutenzione normale perché, secondo loro, non si tratta di una zona appetibile. Anche se si cambia compagnia telefonica non succede nulla, anzi. Se non si è con Tim, ad esempio, si rischia che nel momento che ci sono queste interruzioni, si è passati addirittura in secondo piano rispetto alle riparazioni effettuate da Telecom. Ci sentiamo isolati e impotenti».

Piccola soluzione

Nel frattempo il Comune non è rimasto fermo. Nei mesi scorsi è stato attivato un accordo con Sailweb, provider del Canavese nato nel maggio del 2014, con lo scopo di portare connettività per raggiungere tutti gli angoli più remoti delle zone di copertura: «Hanno fatto un bell’impianto e ci hanno dato due punti per navigare gratuitamente nell’area mercatale e nel cortile dove si trovano le Poste e l’asilo - prosegue Corona - si tratta di una piccola soluzione nella speranza che qualcosa cambi decisamente nel futuro». Nella zona di Roppolo, paese che conta circa 850 abitanti, ci sono grosse difficoltà nel ricevere il segnale dai ripetitori collocati nella aree circostanti. L’arrivo della fibra per la connessione veloce ad Internet potrebbe essere un vantaggio?: «So che è arrivata vicino a noi, in paesi come Salussola, Cavaglià e Viverone. Al momento siamo rimasti fuori».

Lorenzo Lucon

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DI ECO DI BIELLA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

NOVITA’: Iscriviti al nostro gruppo Facebook Biella Netweek

 

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale Eco di Biella: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!