Cronaca
Sono stati tutti catalogati

Sul sito dei Carabinieri le foto del tesoro di oggetti preziosi rubati anche nel Biellese

L'operazione aveva portato all'arrresto di nove persone e al sequestro di oggetti in oro del valore di cinque milioni.

Sul sito dei Carabinieri le foto del tesoro di oggetti preziosi rubati anche nel Biellese
Cronaca Biella Città, 12 Luglio 2022 ore 12:54

Sono sul sito dell’Arma dei Carabinieri le foto degli oggetti  preziosi rinvenuti nel corso dell’operazione dello scorso febbraio svolta dal Nucleo Investigativo di Asti, nel corso della quale sono stati sequestrati di più di 37 chili di gioielli in oro provento di furto. Si presume che i furti siano stati commessi in tutte le province piemontesi tra le quali Biella. Ora è quindi possibile visionare tutti gli oggetti ed eventualmente, nel caso venissero riconosciuti, poterli recuperare.

Nove arresti

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Asti hanno provveduto alla catalogazione dell’oro e degli oggetti preziosi sequestrati lo scorso 25 febbraio agli appartenenti ad un’associazione criminale dedita al riciclaggio in Svizzera dei proventi di furti e truffe commessi nel nord Italia. Il sequestro era scaturito da una complessa indagine, avviata nel settembre 2021 e conclusasi con l’esecuzione di 9 ordinanze di custodia cautelare, attraverso la quale i Carabinieri avevano ricostruito le modalità con cui i membri di un’associazione criminale, in prevalenza soggetti di etnia sinti dimoranti nelle Province di Asti, Torino e Pavia, si erano organizzati nel raccogliere dai ricettatori gioielli e pietre preziose, frutto di numerosissimi furti in abitazione, e, dopo averli fusi e trasformati in lingotti, li avevano trasferiti illecitamente in Svizzera in accordo con due indagati residenti in territorio elvetico. I due, di origine italiana, si erano, poi, adoperati per la rivendita del metallo prezioso presso fonderie site in quello Stato estero.

Collaborazione con la Svizzera

L’indagine dei Carabinieri del Nucleo Investigativo aveva comportato anche numerosi servizi di osservazione transfrontaliera in Svizzera unitamente a personale della Polizia Cantonale del Ticino, sotto il coordinamento del Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia, a seguito dei quali si era riusciti a ricostruire il percorso dell’oro rubato anche in quella Nazione e l’A.G. elvetica aveva avviato un procedimento penale connesso ai fatti contestati in Italia.

Oro per 5 milioni di euro

Durante i cinque mesi di indagine è stato possibile documentare un gran numero di trasporti in Svizzera di oro, per un peso complessivo di circa 100 chili, corrispondente ad un valore di cinque milioni di Euro. Nella fase di esecuzione delle misure di custodia cautelare i Carabinieri avevano rinvenuto un milione di euro in contanti, 15 pistole provento di furto e circa 3.000 proiettili di vario calibro, oltre a 37 chili di oro tra gioielli, monete e lingotti. Tutto il materiale rinvenuto è stato censito e catalogato e le relative fotografie sono state pubblicate sulla banca dati degli oggetti rinvenuti.

Ecco come fare per visionare l'oro

Per poter visionare le fotografie è necessario collegarsi al sito www.carabinieri.it, cliccare su “IN VOSTRO AIUTO”, successivamente selezionare dal menu “SERVIZI” la dicitura “BANCHE DATI” e cliccare su “OGGETTI RINVENUTI” (http://www.carabinieri.it/in-vostro-aiuto/servizi/banche-dati/oggetti-rinvenuti). Cliccando sulle singole fotografie, suddivise per categorie, sarà possibile visionarle nel dettaglio. Le modalità con cui poter contattare il Nucleo Investigativo per l’eventuale riconoscimento degli oggetti sono riportate nella didascalia posta accanto ad ogni singola fotografia.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter