nuovo dpcm

Sport chiuso: ci restano i prati

Resta almeno consentita l’attività motoria e sportiva all’aperto

Sport chiuso: ci restano i prati
26 Ottobre 2020 ore 08:00

Sport chiuso: ci restano i prati.

Palestre, piscine e sport dilettantistici di nuovo bloccati

Tutti gli immani sforzi fatti dall’inizio della pandemia fino a qui dall’universo sportivo italiano sono valsi zero. Nemmeno un piccolo credito di fiducia da parte del Governo per piscine e palestre, dove i controlli ripetuti avevano accertato la sicurezza delle loro attività grazie alla scrupolosa (e costosa) rigidità dei gestori nel seguire i protocolli per il contenimento dell’emergenza Covid-19.
Così, dopo il nuovo Dpcm di ieri che praticamente sospende da oggi fino al 24 novembre l’attività sportiva per dieci milioni di praticanti, soprattutto giovani, non rimane che appigliarsi, con forza e speranza, a quanto resta consentito fare: «Consentito svolgere attività sportiva o attività motoria all’aperto, anche presso aree attrezzate e parchi pubblici, ove accessibili, purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività».

Il servizio completo in edicola oggi su Eco di Biella

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità