Guardia di finanza di Biella

Speculavano sulla pelle dei malati: nei guai per truffa

Denunciato il responsabile di una cooperativa e funzionari dell'Asl di Vercelli.

Speculavano sulla pelle dei malati: nei guai per truffa
Biella Città, 03 Marzo 2020 ore 10:43

Speculavano sulla pelle dei malati: nei guai per truffa.

Indagine della Finanza

Il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Biella (nella foto il comandante e altri due sottufficiali) ha svolto un’attività di indagine di Polizia Giudiziaria finalizzata alla verifica della corretta gestione di una struttura socio-sanitaria operante sul territorio biellese e facente capo ad una Cooperativa che gestisce diverse strutture situate in Piemonte e Lombardia. L’analisi della documentazione reperita presso oltre 50 Enti Pubblici, nonché l’acquisizione di informazioni testimoniali e le attività di riscontro hanno consentito di rilevare l’illecita gestione della struttura in parola, destinata al recupero di soggetti affetti da dipendenze patologiche.

Adulti e minori insieme

La struttura ispezionata non era autorizzata al funzionamento ed al suo interno, in promiscuità con gli adulti, venivano inseriti anche minorenni destinati ad altre strutture sanitarie con più elevati standard prestazionali. Inoltre, è emerso che la Cooperativa aveva locato una palazzina e diversi altri appartamenti nella Provincia di Biella dove erano inseriti, in sovrannumero, sia ospiti adulti sia minorenni. A seguito di approfondimenti investigativi, è emerso che i minorenni, destinati a strutture recettive specificatamente previste e con personale sanitario in numero e tipologia adeguata, venivano dirottati dalle strutture lombarde, ormai sature, a quella biellese in coabitazione con gli adulti e senza ricevere le cure assistenziali previste dalla normativa regionale di riferimento. Tale situazione è stata taciuta agli Enti inseritori.

Più ospiti rispetto al consentito

A seguito di un’attenta e puntuale ricostruzione dei periodi di permanenza degli ospiti nella struttura, è emerso che in quella operante nel biellese sono stati inseriti mediamente 35 ospiti a fronte di una capienza massima autorizzata di 24 persone. Inoltre, a seguito del confronto tra la documentazione fiscale reperita e le posizioni contributive e assistenziali dichiarate dalla cooperativa, è stato rilevato il numero di persone impiegato all’interno della struttura, che è risultato essere, per l’intero arco temporale preso in esame in sottorganico di circa il 50% rispetto a quanto previsto dalla normativa di riferimento, permettendo agli autori di ottenere dei proventi illeciti per euro 2.246.655,00. Per tali condotte, sono stati segnalati all’AG competente il rappresentante legale della Cooperativa per frode nelle pubbliche forniture e per truffa ai danni dello Stato in concorso con alcuni funzionari dell’ASL di Vercelli.

Alla Corte dei conti

In merito alle risultanze d’indagine è stata interessata la Corte dei Conti presso la Sezione Giurisdizionale di Torino per un presunto danno erariale quantificato in euro 2.246.655,00. L’attività posta in essere rientra nell’ambito delle funzioni di polizia economica e finanziaria tipiche della Guardia di Finanza, ed è costantemente rivolta al controllo ed alla verifica della spesa pubblica, intervenendo a tutela dell’erario, prevenendo e/o rilevando condotte fraudolente che sottraggono importanti risorse economiche allo Stato, soprattutto in ambiti di particolare sensibilità come quello sanitario.

ECO DI BIELLA EDIZIONE DIGITALE la tua copia a 0,99 euro

LE ALTRE NOTIZIE NELLA HOME

SU FACEBOOK ISCRIVITI AL NOSTRO GRUPPO prima BIELLA

SU TWITTER SEGUI @ecodibiella

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità