Spacciatore nel bagagliaio

Spacciatore nel bagagliaio
Cronaca 29 Marzo 2012 ore 19:42

Per riuscire a sfuggire ai finanzieri che lo stavano braccando, è sceso nei garage di un palazzo e si è nascosto nel bagagliaio di una macchina in sosta in una delle autorimesse. Durante la fuga ha diviso in tre pezzi il “panetto” di cento grammi di hashish che aveva in tasca e ha gettato ogni pezzo lungo il tragitto: uno è finito in una siepe, un altro nell’aiuola di un condominio, l’ultimo sotto a un cassonetto. Alla fine il fuggitivo è stato rintracciato al termine di una vera e propria caccia all’uomo a cui hanno partecipato, oltre alle Fiamme gialle, anche carabinieri e polizia. La droga è stata recuperata fino all’ultimo grammo.

Non è stato arrestato Abdelhak B., 24 anni, origini marocchine, per l’anagrafe residente ad Andorno, in realtà domiciliato a Sordevolo, già noto per alcuni precedenti non però specifici. I finanzieri della Sezione mobile del Nucleo di Polizia tributaria, coordinati dal tenente colonnello Cruciano Cruciani, lo hanno solo denunciato per accuse comunque pesanti: detenzione di droga ai fini dello spaccio e resistenza a pubblico ufficiale in quanto, se anche non ha usato violenza, è scappato a un controllo creando una situazione di pericolo.
Sono stati momenti concitati quelli a cui tanti hanno assistito martedì nel tardo pomeriggio tra viale Roma e la piccola via Bolzano dove il marocchino si è alla fine rifugiato sperando di poterla fare franca. Le voci tra residenti e curiosi sono schizzate senza controllo come pallina in un flipper. E già dopo un’oretta dall’intervento della Guardia di finanza, c’era chi parlava di almeno due spacciatori arrestati, di pistole puntate in faccia ai componenti delle forze dell’ordine, di chili di droga. Solo frutto della fantasia, per fortuna.
In realtà i finanzieri stavano effettuando un controllo antidroga alla stazione San Paolo quando hanno notato il marocchino aggirarsi con fare sospetto tra le auto in sosta di fianco alle fermate degli autobus. Insospettiti da tale atteggiamento, gli uomini delle Fiamme gialle, in borghese, si sono avvicinati con l’intenzione di controllare i documenti del giovane. Ma proprio nel momento in cui si sono qualificati, Abdelhak è schizzato via come un razzo verso viale Roma. La caccia all’uomo è iniziata così. Il nordafricano ha cercato di disfarsi dell’hashish che aveva in tasca, spezzando il “panetto” e gettando i pezzi in varie direzioni, forse con l’intento di confondere le idee ai finanzieri che, nel frattempo, non mollavano la presa. In via Bolzano il giovane si è rifugiato in uno dei tanti garage. Non appena sono arrivati i rinforzi, è iniziata la caccia al fuggitivo che è stato trovato rinchiuso nel bagagliaio di un’auto in sosta.
V.Ca.