Menu
Cerca

Si uccide a 37 anni nei boschi di Caprile

Si uccide a 37 anni nei boschi di Caprile
Cronaca 19 Marzo 2017 ore 10:12

CAPRILE  – Ha confidato agli amici di non farcela più, di essere depresso per una serie di motivi personali. Loro hanno cercato di tranquillizzarlo, di trasmettergli positività. Non è purtroppo servito. Andrea Agliaudi, 37 anni, di Postua, al confine tra Biellese e Valsesia, l’ha fatta finita in un bosco lungo la strada che porta alla cappella degli alpini, in mezzo al verde, nei territori compresi tra Coggiola e Caprile, tra boschi di betulle, abeti, larici e castagni. L’allarme è scattato l’altra sera. Sono stati gli stessi amici a telefonare ai carabinieri, sconvolti dalla reazione del giovane uomo e dal messaggio che aveva inviato loro dicendo che era stufo e che era intenzionato a farla finita. Avrebbe indicato anche il luogo, in mezzo al verde di quel territorio sconfinato. Prima è stata trovata l’auto dell’uomo. In seguito le ricerche sono proseguite e, poco dopo le 21, è stato trovato anche il corpo senza vita di Andrea Agliaudi. La salma – dopo che i carabinieri hanno effettuato gli accertamenti di rito – è poi stata recuperata solo alle 23 dagli incaricati delle “Imprese funebri riunite” e portata in obitorio a disposizione del magistrato che dovrà decidere se disporre o meno l’autopsia. La data dei funerali non è stata ancora fissata in attesa del nullaosta. L’uomo lascia nel dolore il padre Giovanni e la madre.R.E.B.

CAPRILE  – Ha confidato agli amici di non farcela più, di essere depresso per una serie di motivi personali. Loro hanno cercato di tranquillizzarlo, di trasmettergli positività. Non è purtroppo servito. Andrea Agliaudi, 37 anni, di Postua, al confine tra Biellese e Valsesia, l’ha fatta finita in un bosco lungo la strada che porta alla cappella degli alpini, in mezzo al verde, nei territori compresi tra Coggiola e Caprile, tra boschi di betulle, abeti, larici e castagni. L’allarme è scattato l’altra sera. Sono stati gli stessi amici a telefonare ai carabinieri, sconvolti dalla reazione del giovane uomo e dal messaggio che aveva inviato loro dicendo che era stufo e che era intenzionato a farla finita. Avrebbe indicato anche il luogo, in mezzo al verde di quel territorio sconfinato. Prima è stata trovata l’auto dell’uomo. In seguito le ricerche sono proseguite e, poco dopo le 21, è stato trovato anche il corpo senza vita di Andrea Agliaudi. La salma – dopo che i carabinieri hanno effettuato gli accertamenti di rito – è poi stata recuperata solo alle 23 dagli incaricati delle “Imprese funebri riunite” e portata in obitorio a disposizione del magistrato che dovrà decidere se disporre o meno l’autopsia. La data dei funerali non è stata ancora fissata in attesa del nullaosta. L’uomo lascia nel dolore il padre Giovanni e la madre.R.E.B.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli