Cronaca
A Occhieppo Superiore

Si presenta a firmare il registro dai Carabinieri in sella... a una bici rubata. Di nuovo denunciato

Nei guai pregiudicato di 28 anni che abita in Valle Elvo. E' accusato di ricettazione. Refurtiva già restituita.

Si presenta a firmare il registro dai Carabinieri in sella... a una bici rubata. Di nuovo denunciato
Cronaca Elvo, 06 Dicembre 2022 ore 13:50

Si è presentato come ogni giorno a firmare l'apposito registro dai Carabinieri come disposto dal giudice... su una bicicletta rubata. E' così finito ulteriormente nei guai. I Carabinieri del comando di Occhieppo Superiore, a conclusione di puntuali accertamenti, hanno denunciato in stato di libertà un uomo 28 anni residente in Valle Elvo, già noto alla giustizia per reati contro la persona, il patrimonio e in materia di stupefacenti, che si trova attualmente sottoposto all'obbligo di dimora e all'obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria, poiché ritenuto responsabile del reato di ricettazione.

Si presenta al comando

Il giovane, tre giorni fa, si è recato negli uffici del Carabinieri di Occhieppo Superiore per la prevista firma di controllo. In quel frangente è stato notato in possesso di una bicicletta di discreto valore con pedalata assistita, marca Atala, mai vista prima in uso al soggetto da parte dei militari. La bici è stata lasciata nella via che conduce al comando dei Carabinieri in posizione defilata, con il giovano che è poi giunto all'appuntamento a piedi. Un atteggiamento che ha insospettito i Carabinieri.

I riscontri e la denuncia

Le immediate indagini e verifiche, con i dovuti riscontri (alcune caratteristiche uniche della bicicletta, confermate anche dal colore grigio originale presente sotto la verniciatura fatta con bomboletta spray di colore oro) consentivano di accertare che la "due ruote" risultava provento di furto, poiché rubata il 16 novembre scorso in via Ivrea a Biella, ai danni di un uomo di 49 anni del luogo. La bicicletta a pedalata assistita, del valore di circa mille euro, previo preventivo riconoscimento, è stata restituita al legittimo proprietario. Il giovane pregiudicato è stato invece denunciato alla Procura della Repubblica.

Seguici sui nostri canali