Sciopero di una settimana dei magistrati onorari

Sciopero di una settimana dei magistrati onorari
Cronaca 20 Novembre 2016 ore 09:25

BIELLA - Cinque giorni di astensione dalle udienze, da lunedì a venerdì della prossima settimana, per giudici di pace, vice-procuratori onorari e giudici onorari di tribunale. Lo hanno indetto, a livello nazionale, le organizzazioni rappresentative di categoria (Unagipa, Federmot, Angdp, Udgdp) per protestare contro un Governo che «si conferma incapace di fronteggiare l’emergenza giustizia e si sottrae all’invito della Comunità internazionale a riformulare il sistema giudiziario italiano».

« L’astensione - si legge in una nota della Federmot, la Federazione magistrati onorari di tribunale di cui a Biella è presidente il giudice Pietro Brovarone - è indetta anche contro la mancata applicazione delle pronunce della Corte di giustizia dell’Unione europea che censurano l’abuso del lavoro a tempo determinato e impongono il pagamento ai magistrati onorari di ferie e previdenza e contro i decreti applicativi che negano le indennità previste dalla legge.

BIELLA - Cinque giorni di astensione dalle udienze, da lunedì a venerdì della prossima settimana, per giudici di pace, vice-procuratori onorari e giudici onorari di tribunale. Lo hanno indetto, a livello nazionale, le organizzazioni rappresentative di categoria (Unagipa, Federmot, Angdp, Udgdp) per protestare contro un Governo che «si conferma incapace di fronteggiare l’emergenza giustizia e si sottrae all’invito della Comunità internazionale a riformulare il sistema giudiziario italiano».

« L’astensione - si legge in una nota della Federmot, la Federazione magistrati onorari di tribunale di cui a Biella è presidente il giudice Pietro Brovarone - è indetta anche contro la mancata applicazione delle pronunce della Corte di giustizia dell’Unione europea che censurano l’abuso del lavoro a tempo determinato e impongono il pagamento ai magistrati onorari di ferie e previdenza e contro i decreti applicativi che negano le indennità previste dalla legge.