dramma

Schianto Cossato, l’autista arrestato per omicidio stradale

Rimasto gravemente ferito, R.G., è ricoverato nel reparto di rianimazione dell'ospedale di Ponderano in prognosi riservata. Non è   in pericolo di vita.

Schianto Cossato, l’autista arrestato per omicidio stradale
Cronaca Cossatese, 18 Gennaio 2021 ore 09:15

Schianto Cossato, l’autista arrestato per omicidio stradale. Rimasto gravemente ferito, R.G., è ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Ponderano in prognosi riservata. Non è   in pericolo di vita.

Schianto Cossato, l’autista arrestato

E’ risultato positivo ad alcoltest e ai test sui cannabinoidi il giovane di 25 anni che, nella notte tra sabato e domenica è uscito di strada con l’auto, che si è ribaltata. Nell’incidente, avvenuto a Cossato, ha perso la vita il quindicenne Emanuele Rinaldi.

La tragedia

La tragedia si è consumata alle 2 e 40 della notte tra sabato e domenica lungo via Dante Alighieri, la strada in salita che collega Cossato a Lessona, nei pressi dell’incrocio con via Remo Pella. Emanuele e un suo amico e coetaneo, anche lui di Cossato, si erano recati a casa di amici dove avevano tirato tardi. Dopo una certa ora, i due ragazzini si sono incamminati verso casa quando sono stati invitati a salire in auto dal giovane di 25 anni e dalla sua fidanzata, 22 anni, sorella dell’altro quindicenne, che avevano partecipato alla stessa festa. I due ragazzini – stando alle testimonianze raccolte dalla Polstrada – si erano resi conto che quel giovane aveva bevuto un po’ troppo quella sera, ma non si erano osati dire nulla e, piuttosto che farsela a piedi, avevano accettato il passaggio.

Capotte abbassata

Nonostante facesse parecchio freddo, il giovane conducente aveva deciso di abbassare la capotte della sua Fiat Punto cabrio. Una scelta che, a conti fatti, sarebbe risultata deleteria. Dopo aver percorso poche centinaia di metri, l’auto è salita con le ruote su un terrapieno e si è ribaltata, finendo contro un muro dall’altra parte della strada.
Sono stati la ragazza e il fratellino a correre a chiedere aiuto. Con l’ambulanza e i Vigili del fuoco, è arrivata anche la pattuglia delle Polizia stradale di Biella. Emanuele è stato caricato in ambulanza che respirava ancora. Ma purtroppo non ce l’ha fatta ad arrivare in tempo in ospedale nonostante l’impegno dei sanitari del “118”.

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli