Menu
Cerca
I dati

Scende la pressione sulle terapie intensive: non succedeva dallo scorso 7 marzo 2021

Terapie intensive a quota 240

Scende la pressione sulle terapie intensive: non succedeva dallo scorso 7 marzo 2021
Cronaca 28 Aprile 2021 ore 13:34

Terapie intensive a quota 240: non succedeva dallo scorso 7 marzo 2021

Terapie intensive

Si conferma  il calo della pressione sulle strutture  sanitarie piemontesi. Scendono sia le terapie intendìsive che i ricoveri ordinari.

L’analisi settimanale

Prosegue il nostro monitoraggio settimanale considerando i dati sui ricoveri indicati  ogni giorno dal Bollettino dell’Unità di Crisi del Piemonte.

Abbiamo preso in esame il periodo compreso tra martedì 20 e martedì 27 aprile (gli ultimi sette giorni). Quello che emerge è il continuo calo delle terapie intensive, ora scese a 240 (il 20 marzo erano 281) e degli ordinari, ora scesi a 2308 (il 20 marzo erano 2753).

Si tratta di dati che dunque, stanno ad evidenziare il miglioramento della situazione nella nostra Regione, anche se resta ancora da considerare e seguire con attenzione l’andamento dei decessi.

In particolare, secondo quanto riporta Prima Settimo per quanto riguarda le terapie intensive, si tratta della cifra più bassa registrata dallo scorso 10 marzo, quando l’Unità di Crisi regionale aveva indicato  per la nostra  Regione 244 posti occupati. Per i ricoveri ordinari, scesi a 2308, invece, si tratta del dato più basso dallo scorso 7 marzo, quando erano 2316.

L’andamento dell’ultima settimana

  • 20 aprile 2021: 281 ( terapie intensive); 2753 (ricoveri ordinari)
  • 21 aprile 2021: 277 (terapie intensive); 2666 (ricoveri ordinari)
  • 22 aprile 2021: 280 (terapie intensive); 2568 (ricoveri ordinari)
  • 23 aprile 2021: 275 (terapie intensive); 2447 (ricoveri ordinari)
  • 24 aprile 2021: 267 (terapie intensive); 2443 (ricoveri ordinari)
  • 25 aprile 2021: 260 (terapie intensive); 2403 (ricoveri ordinari)
  • 26 aprile 2021: 247 (terapie intensive); 2404 (ricoveri ordinari)
  • 27 aprile 2021: 240 (terapie intensive); 2308 (ricoveri ordinari)

Se dunque questa tendenza sarà confermata già la prossima settimana il dato relativo alle  terapie intensive potrebbe scendere, o comunque  essere prossimo a quota 200, mentre quello relativo ai ricoveri ordinari potrebbe scendere  sotto quota 2000.