Fermati in una ditta di Gaglianico

Saliti su un camion diretto a Biella nove migranti iracheni e iraniani. Volevano andare in Francia

Hanno tutti chiesto asilo politico. Di età compresa tra i 20 e i 40 anni.

Saliti su un camion diretto a Biella nove migranti iracheni e iraniani. Volevano andare in Francia
Cronaca Grande Biella, 30 Luglio 2021 ore 12:04

Saliti su un camion diretto a Biella nove migranti iracheni e iraniani. Volevano andare in Francia.

Fuga a Gaglianico

Sono scesi in nove da un autoarticolato giunto nel cortile di una ditta tessile di Gaglianico e se la sono svignata a gambe levate cercando di far perdere le loro tracce. Si tratta di tre cittadini iracheni e di sei iraniani, di età compresa tra i 20 e i 40 anni, che sono poi stati tutti rintracciati dai Carabinieri (sono intervenute le pattuglie di Biella, Candelo, Andorno Miccz e persolale della sezione operativa del Norm) e portati nel comando di via Rosselli per le formalità di rito.

Tre denunciati

I tre iracheni sono stati denunciati per ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello stato. A tutti è stato notificato il biglietto di invito per presentarsi all'ufficio immigrazione della Questura di Biella. Nello stesso contesto, tutti e tre hanno fatto richiesta di asilo politico per motivi umanitari. Gli altri sei stranieri, tutti giovanissimi e già richiedenti asilo, secondo gli accertamenti effettuati dai Carabinieri, risultavano invece essere in possesso di un precedente biglietto di invito per l'ufficio stranieri della Questura di Torino.

Volevano andare in Francia

Da quanto è emerso, anche grazie all'ausilio degli interpreti, si è accertato che i soggetti erano intenzionati ad entrate in modo clandestino in Francia. Pertanto, la notte prima, erano saliti a bordo dell'autoarticolato in un'area di servizio dell'autostrada all'insaputa degli autisti provenienti dalla Polonia, credendo di essere diretti verso la Francia. Tuttavia il percorso di quel Tir si è poi rivelato totalmente diverso  e i nove stranieri si sono così ritrovati nel Biellese. Quanto al ruolo degli autisti, si è appurato che erano totalmente estranei ai fatti.