Cronaca

Rogo al castello, 7 condanne

Rogo al castello, 7 condanne
Cronaca 20 Novembre 2012 ore 13:26

Sette condanne a pene comprese tra un anno e tre anni e mezzo di reclusione. E' la richiesta della piemme Sabrina Nove al processo per l'incendio che il 15 aprile 21008 distrusse un'ala del castello di Moncalieri. Secondo la pubblica accusa, vanno condannati gli imputati che non avrebbero attuato e rispettato alla lettera le misure di sicurezza. La pena maggiore (tre anni e mezzo) è stata chiesta per l'allora direttore del museo e responsabile dei lavori di restauro, Valerio Corino.

Tre anni per Marcello Mazza Piciot, geometra e consulente della sovrintendenza. E per Marino Ghiotti, uno dei titolari dell'impresa Sicer (ora dichiarata fallita) che aveva avviato il cantiere. Due anni per Emanuele Giletti, ingegnere e consulente, un anno per Giorgio Mosca e Nevio Negro, gli altri titolari della Sicer. Due anni infine per Alessandro Avanzo, l'artigliano che - secondo quanto ha ricostruito la pubblica accusa - avrebbe provocato la scintilla da cui si sarebbe originato il rogo utilizzando una sega circolare. Il processo, davanti al giudice Silvana Podda, proseguirà nei prossimi mesi e arriverà a sentenza nel prossimo mese di marzo.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter