Menu
Cerca

Ritrovate le borse rubate in discoteca

Ritrovate le borse rubate in discoteca
Cronaca 31 Marzo 2016 ore 14:39

Erano state rubate nella notte tra sabato e domenica in un locale di Biella, le quattro borse e un portafogli trovati ieri da un ragazzo nascosti tra gli alberi di fronte ai vecchi bagni pubblici di via Cernaia. A chiedere l’intervento dei carabinieri è stato un giovane di 22 anni di Vigliano che ha notato le borse – tutte di marca Carpisa - e il portafogli che conteneva ancora i documenti. Grazie proprio a questi documenti, i carabinieri sono riusciti a risalire a tutte le proprietarie che facevano parte di un gruppo di ragazze che avevano deciso di trascorrere la serata nel noto locale. Ma invece di depositare le borse nel guardaroba, dove sarebbero state protette, le hanno ammucchiate tutte in un divanetto lasciando così campo libero ai ladri che frequentano i locali mescolandosi con le centinaia di clienti. All’interno delle borse, i carabinieri hanno ritrovato tutti gli oggetti personali e i documenti. Mancavano solo i soldi, ovviamente, e un paio di telefoni cellulari.

Erano state rubate nella notte tra sabato e domenica in un locale di Biella, le quattro borse e un portafogli trovati ieri da un ragazzo nascosti tra gli alberi di fronte ai vecchi bagni pubblici di via Cernaia. A chiedere l’intervento dei carabinieri è stato un giovane di 22 anni di Vigliano che ha notato le borse – tutte di marca Carpisa - e il portafogli che conteneva ancora i documenti. Grazie proprio a questi documenti, i carabinieri sono riusciti a risalire a tutte le proprietarie che facevano parte di un gruppo di ragazze che avevano deciso di trascorrere la serata nel noto locale. Ma invece di depositare le borse nel guardaroba, dove sarebbero state protette, le hanno ammucchiate tutte in un divanetto lasciando così campo libero ai ladri che frequentano i locali mescolandosi con le centinaia di clienti. All’interno delle borse, i carabinieri hanno ritrovato tutti gli oggetti personali e i documenti. Mancavano solo i soldi, ovviamente, e un paio di telefoni cellulari.