il caso

Rissa al Villaggio, chiesta la scarcerazione degli arrestati

I legali dei vari coinvolti si stanno muovendo per ottenere misure meno afflittive al carcere.

Rissa al Villaggio, chiesta la scarcerazione degli arrestati
Biella Città, 24 Settembre 2020 ore 09:30

Rissa al Villaggio, chiesta la scarcerazione. I legali dei vari coinvolti si stanno muovendo per ottenere misure meno afflittive al carcere.

Rissa al Villaggio, chiesta la scarcerazione

Sono tutte in carcere le persone arrestate la scorsa settimana a seguito della rissa con sparatoria avvenuta al Villaggio La Marmora.
L’ultimo a finire dietro le sbarre è stato Stefano Bottone, 38 anni, sospettato di essere l’uomo che ha premuto il grilletto, colpendo Vito Marotta a un occhio con il pallino probabilmente di una scacciacani.
Si trova recluso nel carcere di Bologna, dove si era rifugiato a casa di parenti. Rischia l’accusa di tentato omicidio preterintenzionale, ma i suoi legali – gli avvocati Marco Romanello e Andrea Conz – stanno lavorando per far derubricare il reato in lesioni gravi.

Daniele Marotta, i gemelli Donato e Sergio Marotta, e Nicola Bottone dovranno invece rispondere del reato di rissa aggravata. Nei giorni scorsi i loro difensori – sono assistiti a vario titolo dagli avvocati Pietro Barrasso del foro di Biella e Antonio Mondelli e Roberto Saraniti, rispettivamente iscritti agli albi di Vallo della Lucania e di Torino – hanno depositato presso il tribunale del Riesame di Torino istanza di scarcerazione, chiedendo che ai loro assistiti fosse concessa una misura cautelare meno afflittiva della custodia in carcere.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità