case di riposo

Rette alte e crisi dell’unità di valutazione

La protesta di molte famiglie biellesi: «I nostri cari non vengono visitati e noi paghiamo»

Rette alte e crisi dell’unità di valutazione
Biella Città, 28 Settembre 2020 ore 06:30

Rette alte e crisi dell’unità di valutazione.

Protestano molte famiglie biellesi

La gestione case di riposo, soprattutto per gli ospiti delle stesse o per le persone che sono in attesa di entrarvi, è complessa in questa fase post lockdown. Perché le attività di controllo per l’accesso dei parenti sono sempre stringenti ma, soprattutto, per i ritardi legati alle operazioni dell’Unità di valutazione geriatrica dell’Asl di Biella, che durante l’emergenza Covid e tutt’ora, non effettua visite per il conferimento della quota sanitaria, se non in bassissime percentuali rispetto al passato. Un problema che si ripercuote sulle tasche delle famiglie che hanno i loro cari ospiti di strutture e che si vedono costrette a pagare la retta piena, che ha una media di 2.500 euro circa. E il tema delle rette, soprattutto in questo periodo, è assai sentito. Tanto che l’assessore regionale alla sanità, Luigi Icardi, in rappresentanza delle Regione, ha preso carta e penna e ha scritto al ministero per chiedere un’integrazione importante a livello economico su questo tema.

Il servizio completo in edicola oggi su Eco di Biella

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno