Resta dentro l’agente penitenziario

Resta dentro l’agente penitenziario
02 Marzo 2015 ore 00:21

Resta in carcere Simone D., 43 anni, l’agente di Polizia penitenziaria arrestato nei giorni scorsi dai carabinieri per aver maltrattato e picchiato di continuo la moglie dalla quale è di fatto separato da quasi un anno e mezzo. Venerdì mattina l’indagato è comparso davanti al giudice delle indagini preliminari, Claudio Passerini, lo stesso che ha firmato l’ordine di arresto. Ha risposto a tutte le domande del giudice che, alla fine, si è riservato. Il difensore, avvocato Marco Romanello, appariva ottimista dopo aver chiesto per il suo assistito la piena scarcerazione oppure, in subordine, gli arresti domiciliari: «E’ una storia assurda, non può starci il carcere…», si era sbilanciato il difensore. Sabato mattina il giudice ha fatto pervenire alle parti interessate la decisione: l’agente penitenziario rimane in carcere.

TUTTO SU ECO DI BIELLA IN EDICOLA STAMATTINA

Resta in carcere Simone D., 43 anni, l’agente di Polizia penitenziaria arrestato nei giorni scorsi dai carabinieri per aver maltrattato e picchiato di continuo la moglie dalla quale è di fatto separato da quasi un anno e mezzo. Venerdì mattina l’indagato è comparso davanti al giudice delle indagini preliminari, Claudio Passerini, lo stesso che ha firmato l’ordine di arresto. Ha risposto a tutte le domande del giudice che, alla fine, si è riservato. Il difensore, avvocato Marco Romanello, appariva ottimista dopo aver chiesto per il suo assistito la piena scarcerazione oppure, in subordine, gli arresti domiciliari: «E’ una storia assurda, non può starci il carcere…», si era sbilanciato il difensore. Sabato mattina il giudice ha fatto pervenire alle parti interessate la decisione: l’agente penitenziario rimane in carcere.

TUTTO SU ECO DI BIELLA IN EDICOLA STAMATTINA

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità