Cronaca
Stamattina lungo il torrente

Raccolti gli oltre sessanta sacchetti dei rifiuti lanciati nell'Oropa dallo sozzone seriale

Intervento degli operatori dell'Orso Blu su mandato del Comune di Biella che ha agito in modo rapido. Presenti anche i guardiapesca della Fipsas.

Raccolti gli oltre sessanta sacchetti dei rifiuti lanciati nell'Oropa dallo sozzone seriale
Cronaca Biella Città, 08 Aprile 2022 ore 12:47

Raccolti gli oltre sessanta sacchetti dei rifiuti lanciati nell'Oropa dallo sozzone seriale.

Dagli addetti dell'Orso Blu

Sono stati raccolti stamattina (venerdì 8 aprile) dagli addetti della cooperativa sociale Orso Blu, inviati dall'apposito ufficio ambiente del Comune di Biella che si è subito preso a carico del grave problema, gli oltre sessanta sacchetti dell'immondizia che per settimane hanno costellato un tratto di torrente Oropa, lanciati con cadenza quasi giornaliera da un folle sozzone seriale durante il passaggio da Pralungo verso Biella.

Un gesto vile

Tutti i sacchetti dell’immondizia erano di colore azzurro, ben chiusi, in parte trasparenti, che lasciavano intravvedere qualsiasi tipo di rifiuto sia di tipo plastico come vaschette e confezioni varie sia bottiglie, lattine metalliche e scatolette di tonno o di carne. Così, senza un motivo, tanto per insozzare un tratto di torrente incontaminato, per la pesca di tipo “no kill” (solo con tecnica a mosca e a rilascio obbligatorio) in questo periodo peraltro con serie difficoltà di portata a causa della siccità dilagante. Per un certo verso, paradossalmente, è stato un bene che la portata dell'Oropa fosse inferiore rispetto al normale. In caso contrario i sacchetti sarebbero stati portati via dalla corrente rendendo così impossibile il recupero e avrebbero insozzato Oropa e poi Cervo, dalla vicina confluenza in poi, per chilometri.

Caccia allo sozzone seriale

Stamattina, oltre agli addetti dell'Orso Blu che si sono calati nel torrente e hanno recuperato tutti i sacchetti, erano presenti un rappresentante del Comune e i guardiapesca dell'associazione Fipsas che - con alcuni residenti del condominio che si affaccia lungo quel tratto di strada - avevano segnalato il grave problema e avevano effettuato un paio di appostamenti prima dello spuntar del sole, nel tentativo di acciuffare sul fatto lo sporcaccione seriale. Della questine è ovviamente a conoscenza anche la Polizia locale. Si cercherà comunque di risalire all'autore dello scempio a cui verranno addebitati i costi dell'intervento di recupero che il Comune di Biella ha dovuto sostenere.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter