intervista esclusiva

“Quel dogo mi avrebbe ucciso”

A parlare è l’uomo di 37 anni di Castelletto Cervo che domenica sera è stato aggredito dal dogo argentino.

“Quel dogo mi avrebbe ucciso”
Cossatese, 06 Agosto 2020 ore 07:00

“Quel dogo mi avrebbe ucciso”. A parlare è l’uomo di 37 anni di Castelletto Cervo che domenica sera è stato aggredito dal dogo argentino.

“Quel dogo mi avrebbe ucciso”

«Non sono uno sprovveduto, conosco molto bene i molossoidi. Ho già posseduto per quasi dodici anni un dogo argentino e prima di lui la mia famiglia ha allevato per una vita due pitbull. Non so perché quel cane ha avuto una simile reazione, ma se mia moglie non lo avesse colpito non sarei qui probabilmente a raccontarlo: aveva la mia mano in bocca e non mollava la presa per nessun motivo. E intanto stringeva anche il collo dell’altro mio cane, una femmina di cane corso. L’intervento di mia moglie è stato provvidenziale. Siamo comunque sconvolti per ciò che è successo perché per noi che amiamo i cani è come veder morire una persona…». A parlare è l’uomo di 37 anni di Castelletto Cervo che domenica sera è stato aggredito dal dogo argentino che era arrivato in quella casa soltanto da quattro giorni e che la moglie, disperata, dopo aver visto il marito in estrema difficoltà, è stata costretta a uccidere con una coltellata in pieno petto dopo aver provato in tutti i modi a far mollare la presa all’animale, tra gli esemplari con il morso più potente del pianeta come pressione.

Leggi l’articolo completo su Eco di Biella in edicola oggi, giovedì 6 agosto

LE ALTRE NOTIZIE NELLA HOME

 

Leggi l’articolo completo su Eco di Biella in edicola oggi, giovedì 6 agosto

LE ALTRE NOTIZIE NELLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno