Processo Enerbit: “Condannateli tutti”

Processo Enerbit: “Condannateli tutti”
21 Gennaio 2015 ore 13:34

L’accusa ha chiesto dieci mesi di reclusione a testa per gli imputati del processo Enerbit, accusati di abuso d’ufficio e falso: l’ex presidente Fabrizio Ponzana, l’allora amministratore delegato Martino Preden e l’allora consigliere Alfio Serafia. Tutto ruota attorno all’assunzione di sei mesi del nipote dell’ex assessore Pier Giorgio Fava. Soggetto che, secondo il piemme, non aveva i requisiti per ricoprire quel posto, in quanto senza laurea. Il 14 febbraio ci saranno repliche e sentenza.

PARTICOLARI SU ECO IN EDICOLA DOMATTINA

L’accusa ha chiesto dieci mesi di reclusione a testa per gli imputati del processo Enerbit, accusati di abuso d’ufficio e falso: l’ex presidente Fabrizio Ponzana, l’allora amministratore delegato Martino Preden e l’allora consigliere Alfio Serafia. Tutto ruota attorno all’assunzione di sei mesi del nipote dell’ex assessore Pier Giorgio Fava. Soggetto che, secondo il piemme, non aveva i requisiti per ricoprire quel posto, in quanto senza laurea. Il 14 febbraio ci saranno repliche e sentenza.

PARTICOLARI SU ECO IN EDICOLA DOMATTINA

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità