Cronaca

Preso un finto tecnico dell’acquedotto

Preso un finto tecnico dell’acquedotto
Cronaca 22 Settembre 2015 ore 05:07

E’ stata diffusa anche la foto. I carabinieri lanciano ora un appello: chi lo riconosce ed è stato a sua volta truffato da questo soggetto, si faccia avanti contattando il “112”.  C’è attesa pertanto della possibilità dei confronti con le tante vittime di raggiri analoghi registrati nelle ultime settimane, tra le quali le due pensionate cossatesi.

L’uomo era insieme ad almeno due complici che sono però riusciti a scappare. «Il presunto truffatore - spiega il sindaco di Romagnano Sesia, Cristina Baraggioni - è stata bloccato grazie al senso civico dei cittadini che, insospettiti, hanno chiamato subito le forze dell’ordine. Ricordiamo che non ci sono tecnici del Comune o dell’acquedotto incaricati a passare nelle case. Inoltre, anche se questi soggetti si presentassero con dei tesserini, invitiamo comunque i cittadini a non farli entrare e a chiamare vigili o carabinieri per effettuare tutti gli accertamenti del caso...».

A Cossato i due colpi sono stati messi a segno in meno di un’ora da due uomini, uno alto e l’altro un po’ più basso e in carne. I due, mettendo in atto il solito copione, sono riusciti a intrufolarsi nelle case delle anziane (una di 77 anni, l’altra di 79).

V.Ca.

E’ stata diffusa anche la foto. I carabinieri lanciano ora un appello: chi lo riconosce ed è stato a sua volta truffato da questo soggetto, si faccia avanti contattando il “112”.  C’è attesa pertanto della possibilità dei confronti con le tante vittime di raggiri analoghi registrati nelle ultime settimane, tra le quali le due pensionate cossatesi.

L’uomo era insieme ad almeno due complici che sono però riusciti a scappare. «Il presunto truffatore - spiega il sindaco di Romagnano Sesia, Cristina Baraggioni - è stata bloccato grazie al senso civico dei cittadini che, insospettiti, hanno chiamato subito le forze dell’ordine. Ricordiamo che non ci sono tecnici del Comune o dell’acquedotto incaricati a passare nelle case. Inoltre, anche se questi soggetti si presentassero con dei tesserini, invitiamo comunque i cittadini a non farli entrare e a chiamare vigili o carabinieri per effettuare tutti gli accertamenti del caso...».

A Cossato i due colpi sono stati messi a segno in meno di un’ora da due uomini, uno alto e l’altro un po’ più basso e in carne. I due, mettendo in atto il solito copione, sono riusciti a intrufolarsi nelle case delle anziane (una di 77 anni, l’altra di 79).

V.Ca.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter