Cronaca

Preso truffatore ricercato da un anno

Preso truffatore ricercato da un anno
Cronaca 15 Giugno 2016 ore 22:09

La Polizia Stradale, grazie alla collaborazione della Polizia Locale di Biella, ha eseguito un arresto per truffa.
Ieri sera la Squadra di P.G. della locale Polizia Stradale (nella foto la comandante, commissario capo Maria Adelaide Tedesco) ha eseguito un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Arezzo nel 2015 e mai eseguito per irreperibilità del soggetto. Si tratta di R. Francesco, 57enne di Pistoia, residente in provincia di Roma, ma frequentatore della provincia di Biella. E infatti ieri sera è stato fermato a Candelo dopo ore di appostamento nelle vicinanza della casa della compagna.
L’operazione è stata possibile grazie alla preziosa collaborazione tra la Polizia Locale di Biella, che ha dato impulso all’operazione, e la Polizia Stradale che, dopo aver svolto le necessarie ulteriori indagini, ha portato a termine l’operazione. L’attività nasce da un controllo effettuato su strada dalla Polizia Locale che fermava per gli accertamenti di routine una Fiat 500 L, condotta appunto da Francesco R., al quale veniva ritirata la patente perché scaduta di validità e sequestrato il veicolo perché non assicurato. Dai controlli operati dalla Polizia Locale risultava che il veicolo sequestrato, di proprietà della società di noleggio Herz con sede a Roma, era oggetto di appropriazione indebita per la quale nel 2014 era stata sporta rituale denuncia proprio nei confronti del conducente fermato. A seguito di ciò, ultimate le proprie indagini, e con la difficoltà connesse al fatto che Francesco R., senza fissa dimora, risultava vivere fuori Biella, nel Comune di Candelo, la Polizia Locale riusciva comunque a intercettarlo all’interno dei confini comunali e a sottoporre a sequestro il veicolo; a questo punto chiedeva la collaborazione della Polizia Stradale, la quale dopo ulteriori e approfonditi accertamenti scopriva che il Francesco R. non solo era da denunciare per appropriazione indebita, ma da sottoporre a provvedimento di carcerazione per truffa. La Squadra di Pg della locale Polizia Stradale iniziava una rapida, ma efficace attività investigativa, che portava ad acquisire informazioni informali sulla vita del Pistoiese residente a Roma, fino a collocarlo non solo nel territorio di Candelo, luogo di residenza della Sua compagna, ma anche a risalire alle generalità della stessa e all’autovettura in uso alla donna, una Kia Picanto. Nel pomeriggio di ieri la Squadra di P.G. iniziava un’attività di appostamento sia nelle vicinanze della dimora, sia itinerante alla ricerca della Kia Picanto. Ed è proprio a bordo di questa autovettura che veniva prima inseguito e poi fermato il 57enne di Pistoia, sottoposto poi all’arresto.

DOMATTINA SU ECO DI BIELLA IN EDICOLA ALTRI CASI DI TRUFFA RIUSCITI E SVENTATI

La Polizia Stradale, grazie alla collaborazione della Polizia Locale di Biella, ha eseguito un arresto per truffa.
Ieri sera la Squadra di P.G. della locale Polizia Stradale (nella foto la comandante, commissario capo Maria Adelaide Tedesco) ha eseguito un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Arezzo nel 2015 e mai eseguito per irreperibilità del soggetto. Si tratta di R. Francesco, 57enne di Pistoia, residente in provincia di Roma, ma frequentatore della provincia di Biella. E infatti ieri sera è stato fermato a Candelo dopo ore di appostamento nelle vicinanza della casa della compagna.
L’operazione è stata possibile grazie alla preziosa collaborazione tra la Polizia Locale di Biella, che ha dato impulso all’operazione, e la Polizia Stradale che, dopo aver svolto le necessarie ulteriori indagini, ha portato a termine l’operazione. L’attività nasce da un controllo effettuato su strada dalla Polizia Locale che fermava per gli accertamenti di routine una Fiat 500 L, condotta appunto da Francesco R., al quale veniva ritirata la patente perché scaduta di validità e sequestrato il veicolo perché non assicurato. Dai controlli operati dalla Polizia Locale risultava che il veicolo sequestrato, di proprietà della società di noleggio Herz con sede a Roma, era oggetto di appropriazione indebita per la quale nel 2014 era stata sporta rituale denuncia proprio nei confronti del conducente fermato. A seguito di ciò, ultimate le proprie indagini, e con la difficoltà connesse al fatto che Francesco R., senza fissa dimora, risultava vivere fuori Biella, nel Comune di Candelo, la Polizia Locale riusciva comunque a intercettarlo all’interno dei confini comunali e a sottoporre a sequestro il veicolo; a questo punto chiedeva la collaborazione della Polizia Stradale, la quale dopo ulteriori e approfonditi accertamenti scopriva che il Francesco R. non solo era da denunciare per appropriazione indebita, ma da sottoporre a provvedimento di carcerazione per truffa. La Squadra di Pg della locale Polizia Stradale iniziava una rapida, ma efficace attività investigativa, che portava ad acquisire informazioni informali sulla vita del Pistoiese residente a Roma, fino a collocarlo non solo nel territorio di Candelo, luogo di residenza della Sua compagna, ma anche a risalire alle generalità della stessa e all’autovettura in uso alla donna, una Kia Picanto. Nel pomeriggio di ieri la Squadra di P.G. iniziava un’attività di appostamento sia nelle vicinanze della dimora, sia itinerante alla ricerca della Kia Picanto. Ed è proprio a bordo di questa autovettura che veniva prima inseguito e poi fermato il 57enne di Pistoia, sottoposto poi all’arresto.

DOMATTINA SU ECO DI BIELLA IN EDICOLA ALTRI CASI DI TRUFFA RIUSCITI E SVENTATI

Seguici sui nostri canali