Cronaca

Prefettura, la palla passa ai territori

Prefettura, la palla passa ai territori
Cronaca 01 Ottobre 2015 ore 16:06

La partita della presenza dello Stato sui territori piemontesi si sposta in Regione e più precisamente nei ruoli che le Province andranno ad assumere. Non è detto, dunque, che Biella perda Prefettura, Questura e comando dei Vigili del fuoco, come inizialmente era previsto dal Governo. Sarà però fondamentale l’intesa che dovrà essere trovata tra i rappresentanti istituzionali di Biella e di Vercelli in merito alla “spartizione” dei vari uffici. Altrimenti le decisioni verranno prese a livello centrale. E’ questo il sunto dell’incontro che martedì ha visto protagonisti i senatori del Pd Gianluca Susta e Nicoletta Favero e il sottosegretario Giampiero Bocci sul tema della riorganizzazione dello Stato. 

La partita della presenza dello Stato sui territori piemontesi si sposta in Regione e più precisamente nei ruoli che le Province andranno ad assumere. Non è detto, dunque, che Biella perda Prefettura, Questura e comando dei Vigili del fuoco, come inizialmente era previsto dal Governo. Sarà però fondamentale l’intesa che dovrà essere trovata tra i rappresentanti istituzionali di Biella e di Vercelli in merito alla “spartizione” dei vari uffici. Altrimenti le decisioni verranno prese a livello centrale. E’ questo il sunto dell’incontro che martedì ha visto protagonisti i senatori del Pd Gianluca Susta e Nicoletta Favero e il sottosegretario Giampiero Bocci sul tema della riorganizzazione dello Stato. 

«Nel pomeriggio di martedì - si legge in una nota diffusa proprio da Susta e Favero - abbiamo avuto un incontro al ministero dell’Interno con il sottosegretario Giampiero Bocci. Tema dell'incontro l'annunciato provvedimento di accorpamento delle Prefetture e la conseguente riorganizzazione delle amministrazioni periferiche dello Stato, nonché la situazione della Provincia di Biella che attende il “giudizio” dell’amministrazione centrale sul riequilibrio di bilancio che ha presentato al Ministero. Come parlamentari biellesi abbiamo ribadito che lo spirito della riforma delle amministrazioni periferiche dello Stato non è la mera riproposizione di quanto esisteva prima del 1990 e che, quindi, non è accettabile un semplice assorbimento della Prefettura di Biella in quella di  Vercelli, con conseguente declassamento dei vari uffici periferici delle amministrazioni statali oggi decentrati in Biella».

«Il sottosegretario Bocci - proseguono i senatori nella nota - ha innanzi tutto rassicurato sui tempi di definizione e approvazione dei decreti attuativi delle varie leggi che in materia si sono succedute dal 2012 a oggi. Ciò significa che non abbiamo alcuna “spada di Damocle” sulla testa, che la discussione è aperta e che si può intervenire sia sui criteri su cui si fonderanno i decreti stessi (su questi ci sarà un prossimo incontro con i funzionari ministeriali che li stanno definendo), sia sugli obiettivi politici e istituzionali che, nel rispetto della legge, i decreti dovranno rispettare. Nel merito dei provvedimenti, il sottosegretario Bocci ha chiaramente detto che sarebbe auspicabile e decisiva un’intesa a livello locale tra i territori di Biella e Vercelli, intesa che Roma sarebbe disposta a far sua, svolgendo, se necessario, anche un’azione di supporto e di mediazione, senza rinunciare al suo ruolo decisionale in caso di disaccordo». Insomma, la partita si sposta sul territorio. Una bozza di accordo era già stata trovata durante la scorsa legislatura, con una spartizione degli uffici equa tra i due territori. Sarà fondamentale capire se si procederà ancora in questa direzione. 

«Tenuto conto che la riorganizzazione degli Uffici Territoriali del Governo - aggiungono Susta e Favero - (ex Prefetture) e degli uffici decentrati delle amministrazioni centrali (comandi militari, di polizia, vigili del fuoco, soprintendenze, banca d'Italia, camere di commercio, ex provveditorati agli studi e alle opere pubbliche, ecc.) va di pari passo con la definizione del nuovo ente intermedio (ex province) che prossimamente sarà oggetto di un provvedimento che andrà in aula in Consiglio regionale, è a nostro avviso indispensabile che i presidenti delle amministrazioni provinciali, delle Unioni dei Comuni e delle Comunità montane nonché i sindaci dei Comuni capoluogo delle province di Biella e di Vercelli si incontrino al più presto e definiscano, innanzitutto, gli obiettivi di un processo di ricomposizione amministrativa e gestionale dei servizi periferici dello Stato sui territori di Biella e Vercelli, da sottoporre al ministero dell'Interno e poi concorrano, con Verbania e Novara, alla definizione di come gestire i servizi sovracomunali e regionali dell’“area vasta” di Biella-Novara-Verbania e Vercelli. Solo così facendo potremo evitare soluzioni centraliste che inevitabilmente risulterebbero penalizzanti per qualcuno e in contrasto con lo “spirito” della riforma che si pone l'obiettivo di meglio organizzare sui territori  la presenza dei servizi dello Stato secondo le esigenze del 21° e non del 20° secolo». 

Enzo Panelli

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter