Menu
Cerca
Tragedia

Precipita cabina della funivia al Mottarone, 14 morti e 1 bambino ferito: chi sono le vittime

Sale il bilancio delle vittime dell'incidente alla funivia del Mottarone, a Stresa.

Precipita cabina della funivia al Mottarone, 14 morti e 1 bambino ferito: chi sono le vittime
Cronaca Biella Città, 23 Maggio 2021 ore 14:17

Aggiornamento dal Mottarone (Verbania Cusio Ossola), ORE 19 E 30 DEL 23 MAGGIO.

E' salito a 14 il bilancio delle vittime dell'incidente alla funivia del Mottarone, a Stresa. E' morto uno dei bambini ricoverati al Regina Margherita di Torino per le gravissime lesioni riportate nell'incidente: a riferirlo sono fonti mediche dell'ospedale. Intanto sono stati comunicati i nomi delle prime tredici vittime: Biran Amit, Peleg Tal, Biran Tom, Cohen Konisky Barbara, Cohen Itshak, Shahaisavandi Mohammadreza, Cosentino Serena, Malnati Silvia, Merlo Alessandro, Zorloni Vittorio, Gasparro Angelo Vita, Pistolato Roberta.

Aggiornamento dal Mottarone (Verbania Cusio Ossola), ORE 16 E 20 DEL 23 MAGGIO.

La funivia che collega Stresa con il Mottarone è precipitata e al momento ci sono almeno 13 vittime. “Siamo sconvolti per l’incidente avvenuto oggi sulla funivia Stresa-Mottarone. Ci stringiamo forte alle famiglie delle vittime e preghiamo per i due bambini feriti con ogni speranza possibile nel cuore. È una tragedia enorme che ci toglie il fiato. La Protezione civile regionale è sul posto per aiutare i soccorsi e dare tutto il proprio sostegno”. Sono le parole del presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, in viaggio verso Stresa con il vice presidente Fabio Carosso e l’assessore ai Trasporti e alla Protezione Civile Marco Gabusi.

Aggiornamento dal Mottarone (Verbania Cusio Ossola), ORE 14 E 40 DEL 23 MAGGIO. Il servizio dell'Elisoccorso 118 piemontese ha confermato che in seguito alla caduta della cabina della funivia, 9 persone sono morte, mentre 2 pazienti minorenni sono stati elitrasportati a bordo di due eliambulanze in codice rosso all'ospedale Regina Margherita di Torino. Sono moto gravi ma i medici non disperano di poterli salvare. Sul luogo dell' incidente, le squadre del Soccorso Alpino e Speleologico sono ancora al lavoro insieme ai Vigili del Fuoco e ai Carabinieri.

Riaperta nel 2016

La Funivia del Mottarone è stata chiusa nel 2014 per garantirne una revisione generale, il 13 agosto 2016 è stata riaperta. La manutenzione straordinaria ha previsto una serie di interventi tra cui la sostituzione dei motori, dei quadri elettrici, dell'apparato elettronico, dei trasformatori.

Magnetoscopia

È stata eseguita anche una magnetoscopia sulle funi, una sorta di esame ai raggi x per verificarne la tenuta. Le cabine sono state smontate, ricondizionate e rimontate con impianto acustico e videocamera di sorveglianza a bordo. I lavori di revisione tecnica dell'impianto sono costati 4 milioni e 400 mila euro, finanziati dalla Regione Piemonte, dal Comune di Stresa, e dalla società di gestione.

E' del 1970

Inaugurata nel 1970, dopo una progettazione durata quasi un decennio: l'impianto fu pensato per sostituire la vecchia ferrovia a cremagliera che, realizzata nel 1911, da Stresa saliva sulla vetta. La funivia dal Piazzale Lido, dalla frazione Carciano di Stresa, in riva al lago di fronte all'Isola Bella, la funivia con un tragitto della durata di 20 minuti, raggiunge quota 1491 metri.

NELLA FOTO UN'IMMAGINE DELLA TRAGEDIA. DI INCASTRO LA FUNIVIA PRIMA DELL'INCIDENTE

 

 

ORE 13 e 30 DI DOMENICA 23 MAGGIO. E' salito a 8 il bilancio delle vittime dell'incidente alla funivia del Mottarone, a Stresa.  E' quanto si apprende dai soccorritori con confermano il ricovero in codice rosso dei due bambini. Sul posto sono presenti squadre dei vigili del fuoco e del soccorso alpino.

A bordo undici persone

Sulla cabina della funivia Stresa-Mottarone precipitata c'erano- secondo quando si apprende - 11 persone. Due bambini sono stati portati in codice rosso, con le eliambulanze, a Torino. L'incidente sarebbe stato causato dal cedimento di una fune, nella parte più alta del tragitto che, partendo dal lago Maggiore arriva a quota 1.491 metri. Le corse durano una ventina di minuti.

Soccorsi

Sul posto stanno lavorando i vigili del fuoco del comando provinciale di Verbania, quelli del distaccamento di Gravellona Toce e di Stresa, in azione anche un elicottero dei vigili del fuoco e due del 118.