Protesta da viale dei Tigli

Polizia penitenziaria: “Turni massacranti, ma straordinari non pagati da due mesi”

Duro comunicato del sindacato Sinappe con il segretario regionale Raffaele Tuttolomondo

Polizia penitenziaria: “Turni massacranti, ma straordinari non pagati da due mesi”
Cronaca Biella Città, 06 Luglio 2021 ore 20:24

Polizia penitenziaria: “Turni massacranti, ma straordinari non pagati da due mesi”. Il sindacato della Polizia penitenziaria, Sinappe, nella persona del segretario regionale, Raffaele Tuttolomondo (nella foto), ha inviato agli organi di informazione un comunicato relativo al mancato pagamento del lavoro straordinario agli agenti in servizio nella casa circondariale di Biella. Le parole del segretario regionale del Sinappe sono molto dure:

Il comunicato

“Sono ormai due mesi - viene spiegato - che i poliziotti penitenziari di stanza alla Casa Circondariale di Biella non si vedono pagato regolarmente lo straordinario!

È andata un po’ meglio ai colleghi operanti negli altri istituti piemontesi, che si sono visti retribuire almeno il 50% del dovuto.
La motivazione di tale ammanco sembrerebbe dovuta alla consumazione totale del budget assegnato individualmente alle singole strutture.
Gli appartenenti al Corpo di Polizia penitenziaria di Biella, oberati da una carenza organica ormai cronica, al fine di garantire la corretta attività di servizio, sono obbligati ad espletare turni lavorativi massacranti che vanno ben oltre gli orari concordati, superando spesso le 9 ore consecutive, con casi eclatanti che li hanno visti espletare le 36 ore previste settimanalmente, in soli due giorni (vedasi i fatti accaduti il 14 e 15 giugno 2021, quando una scorta impegnata nella traduzione di un detenuto presso l’ospedale di Imperia, stante la mancanza di posti, è dovuta rimanere dalla mattina alle ore 8 fino alla sera del giorno successivo con un solo cambio turno).
Ora, poiché sembrerebbe che anche per il mese di luglio non vi sarà accredito per il lavoro straordinario, per il terzo mese di fila, si chiede un autorevole intervento volto alla risoluzione di tale gravoso problema”.