Cronaca

Polizia a caccia della gang dei bulli

Polizia a caccia della gang dei bulli
Cronaca 13 Ottobre 2015 ore 02:50

BIELLA - C’era anche la gang dei nordafricani che nei fine settimana terrorizza i giovani della movida biellese, nel mirino della polizia che sabato notte ha blindato città e circondario con l’utilizzo di sette pattuglie del Reparto prevenzione crimine di Torino (un gruppo specializzato che interviene a scopo preventivo, a turno, in ogni provincia) e tre pattuglie della Squadra volanti della Questura. Il servizio è stato voluto dal questore, Salvatore Perrone.

BIELLA - C’era anche la gang dei nordafricani che nei fine settimana terrorizza i giovani della movida biellese, nel mirino della polizia che sabato notte ha blindato città e circondario con l’utilizzo di sette pattuglie del Reparto prevenzione crimine di Torino (un gruppo specializzato che interviene a scopo preventivo, a turno, in ogni provincia) e tre pattuglie della Squadra volanti della Questura. Il servizio è stato voluto dal questore, Salvatore Perrone.

La polizia ha mostrato i muscoli a scopo preventivo. E i malintenzionati hanno preferito girare alla larga. Anche la banda di giovani che nelle ultime settimane ne ha combinate di tutti i colori non s’è vista. Sono ragazzi che terrorizzano i coetanei, che li derubano, che li picchiano anche solo per uno sguardo. Una gang di bulletti da strapazzo composta da nordafricani e da qualche italiano. Che non hanno timore di aggredire, di picchiare a calci e pugni oppure usando bottiglie e sanpietrini, i micidiali cubetti di porfido.

Il luogo preferito dai bulli per gli agguati, è la vecchia costa di Riva, in acciottolato, che corre per qualche decina di metri parallela alla via asfaltata. Nella biforcazione intermedia, un tratto risale e sbuca nel pressi del locale “Fabbrica dell’oro”, l’altro scende ripido sino a sfociare in via Serralunga, di fronte al locale Hemingway. Le aggressioni sono avvenute nella zona più buia della costa che, a onor del vero, l’amministrazione ha provveduto a illuminare meglio, una nicchia isolata a due passi dal cuore della movida: sopra centinaia e centinaia di ragazzi in festa, poco sotto momenti di vero terrore.

Valter Caneparo

Leggi di più sull’Eco di Biella di lunedì 12 ottobre 2015

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter