Picchia una donna: va in comunità

Picchia una donna: va in comunità
Cronaca 17 Febbraio 2017 ore 11:31

E’ stata applicata la misura cautelare del ricovero in una struttura protetta, nei confronti dell’uomo, 40 anni, della Valle Elvo, ritenuto responsabile dei reati di lesioni aggravate e minacce a una signora di 68 anni. I fatti sono avvenuti in via Arnulfo a Biella il 26 gennaio scorso. Il proccedimento è stato firmato dal giudice delle indagini preliminari, Claudio Passerini, su richiesta del procuratore facente funzioni, Mariaserena Iozzo. Le indagini – condotte a tempo di record dai carabinieri che lavorano in Procura, coordinati dal maresciallo Tindaro Gullo (nella foto) – hanno portato ad escudere che l’uomo sia stato protagonista in tempi recenti di fatti analoghi a quello per cui si è proceduto. Un altro episodio simile, infatti, risale al 2014, era stato regolarmente denunciato, ma l’autore del gesto era soggetto diverso, peraltro già deceduto. Non corrispondono pertanto al vero le esternazioni di organi di informazione che avevano creato allarmismo in città con la storia di un presunto picchiatore di donne. Il fermo del quarantenne è avvenuto stamattina alle 7 ad opera dei carabiniei della Procura e di quelli del comando di Netro.

E’ stata applicata la misura cautelare del ricovero in una struttura protetta, nei confronti dell’uomo, 40 anni, della Valle Elvo, ritenuto responsabile dei reati di lesioni aggravate e minacce a una signora di 68 anni. I fatti sono avvenuti in via Arnulfo a Biella il 26 gennaio scorso. Il proccedimento è stato firmato dal giudice delle indagini preliminari, Claudio Passerini, su richiesta del procuratore facente funzioni, Mariaserena Iozzo. Le indagini – condotte a tempo di record dai carabinieri che lavorano in Procura, coordinati dal maresciallo Tindaro Gullo (nella foto) – hanno portato ad escudere che l’uomo sia stato protagonista in tempi recenti di fatti analoghi a quello per cui si è proceduto. Un altro episodio simile, infatti, risale al 2014, era stato regolarmente denunciato, ma l’autore del gesto era soggetto diverso, peraltro già deceduto. Non corrispondono pertanto al vero le esternazioni di organi di informazione che avevano creato allarmismo in città con la storia di un presunto picchiatore di donne. Il fermo del quarantenne è avvenuto stamattina alle 7 ad opera dei carabiniei della Procura e di quelli del comando di Netro.

Leggi di più su Eco di Biella in edicola sabato 18 febbraio 2017

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità