rifiuti e bollette

Parte la caccia ai morosi: «Così li faremo pagare»

Ecco la strategia Seab

Parte la caccia ai morosi: «Così li faremo pagare»
Biella Città, 16 Novembre 2020 ore 07:00

Ora è caccia ai morosi

Rifiuti, patata bollente del 2020 per cittadini, amministrazioni pubbliche e soprattutto per Seab, la società che gestisce in house su mandato dei Comuni la raccolta e che – come aveva ben chiarito in consiglio comunale un mese fa l’attuale presidente Luca Rossetto, alla guida di una squadra tecnico-politica con l’obiettivo del risanamento – era e resta sull’orlo del fallimento. Primo dovere – disse Rossetto – ridurre il carico dei crediti da riscuotere che sono una montagna: «Il tasso di insoluti attuale è elevatissimo (Biella 27%) e non è compatibile – disse – con le ipotesi di piano concordatario». Sul piatto figurano 19.861 posizioni di morosità di cui 90 (89 sono imprese o enti a vario titolo) di importo superiore ai 10mila euro e 19.771 sotto i 10mila euro di cui 3.046 di imprese od enti a vario titolo. Il tutto per un totale di 10 milioni 822 mila euro. Di questi 10,8 milioni 8 milioni 277mila euro riguardano abitanti o imprese operanti sul territorio del capoluogo, cioè Biella, cioè la parte largamente preponderante.

Il servizio completo in edicola oggi su Eco di Biella

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità