Menu
Cerca
L'incontro a Biella

Palestre ancora chiuse: “Le nostre sei proposte per salvare il settore”

L'appello dei gestori delle strutture all'Amministrazione comunale e al territorio

Palestre ancora chiuse: “Le nostre sei proposte per salvare il settore”
Cronaca Biella Città, 28 Febbraio 2021 ore 09:15

Un grande esempio di civiltà è stato dato dai dieci rappresentanti di palestre che  venerdì 26 febbraio 2021 sono stati accolti a palazzo Oropa dal sindaco Claudio Corradino, presenti anche il vice sindaco Giacomo Moscarola e l’assessore al bilancio Silvio Tosi.

L’iniziativa é stata promossa dal Comitato “Scelgo di Vivere” nell’intento di  sensibilizzare le Istituzioni e l’opinione pubblica  sui molteplici effetti a cascata indotti ormai da un anno dalle severissime e paralizzanti restrizioni.
Alla riunione erano presenti:

Armonia in Equilibrio  Vigliano Biellese

Fit for You Biella

First Gym Candelo

Hero Club Chiavazza

Il tempio dei draghi ASD Sagliano

In Sport SRL SSD Centro Sportivo Rivetti

Mia Club Biella

Pesistica Ramella Chiavazza

Spazio Forma Biella

La questione fiscale

Si é dibattuto, oltre alla ovvia  questione fiscale ed economica, sulla possibilità di usufruire di appositi spazi  pubblici alternativi e, fondamentale, di valutare l’emissione di agevolazioni alle famiglie per incentivare l’ attività fisica e la pratica sportiva al momento delle riaperture.

Stefania Krachler e Claudio Canessa, rappresentanti del Comitato organizzatore, ribadiscono il concetto dell’importanza del movimento come abitudine sana, miglior farmaco naturale per una prevenzione a più livelli: fisica, mentale ed emozionale. Ricordano l’aumento impressionante di depressioni più o meno gravi e lo sviluppo di nuove patologie collegate alla privazione da contatto, cardine dell’essere umano, nato per essere animale sociale, concludendo su quanto sia pertanto una contraddizione il limitarne la diffusione in periodi come questo in cui la salute é purtroppo protagonista indiscussa.

Le conseguenze

Un discorso che si estende ai centri di Yoga, di Pilates, di danza, ballo e non in ultimo allo sport giovanile;  tutto un  settore fortemente penalizzato in questi mesi per il quale è stata stimata una perdita di circa 8,5 miliardi nel 2020 appena concluso con 120.000 posti di lavoro a rischio nel 2021. Si attendono quindi  concretizzazioni ufficiali con un ottimismo legato anche a questi primi passi di reti collaborative finora poco consone al nostro territorio: é tra le priorità di “Scelgo di vivere”  quella di invitare tutti i comuni del biellese ad  usufruire dei risultati  di questo importante incontro, estendendo il confortante messaggio condiviso dall’amministrazione che “solo uniti ce la possiamo fare”.

Le proposte al Comune

PUNTI Sintetizzati da Paolo Garizio

Proposte per Sindaco Claudio Corradino, Vice Sindaco Giacomo Moscarola, Assessore al bilancio Silvio Tosi e assessore al commercio e sviluppo economico Barbara Greggio.

Il Coordinamento Palestre Biellesi, in sinergia con “Scelgo di Vivere”, chiede al comune di Biella, alla provincia ed ai tutti i suoi rappresentanti di competenza, quanto segue:

 – Identificare le aree che il comune di Biella potrebbe mettere a disposizione per l’attività fisica all’aria aperta, con o senza utilizzo di tensostrutture;

 – Considerare l’ipotesi di annullare o ridurre IMU e canoni comunali per le società sportive o comunque, per tutte le attività che non hanno potuto lavorare;

 – Aggiornarci sulle modalità in cui chiedere il rimborso SEAB per l’anno 2020, qualora non avvenisse in automatico;

– Informare tempestivamente qualora la regione dovesse elargire ulteriori contributi a fondo perduto;

– Facilitare l’accesso al credito grazie a intermediazione con istituti bancari;

 – Valutare modi, tempi, importi, fattibilità di un voucher salva sport e salute per le famiglie e identificare il soggetto erogatore.