Menu
Cerca

«Offro 500 euro a chi mi darà un lavoro vero»

«Offro 500 euro a chi mi darà un lavoro vero»
Cronaca 24 Dicembre 2015 ore 03:47

«Metto a disposizione i miei ultimi risparmi, 500 euro, a chi mi offrirà un’opportunità di lavoro seria». E’ chiaramente una provocazione quella di D.F., 56 anni, residente nel torinese, che ha inviato una lettera a www.primabiella.it dal titolo “ultima spiaggia”. «Ad oggi - spiega l’uomo - gli over 50 non sono presi in considerazione dall’ambiente lavorativo». Perché un torinese ha deciso di rivolgersi a una testata biellese? «Qualche giorno fa - spiega ancora - ho sentito alla radio che il settore tessile è in ripresa. Biella vive di tessile. Ho pensato ci potesse essere un’opportunità di lavoro anche per me». L’uomo ha coperto incarichi di prestigio per diverse multinazionali. «Poi, dai primi anni 2000 - racconta - ho lavorato per una casa di spedizioni leader nel mercato che tre anni fa ha chiuso. Ero un “ex quadro”, figura con mansioni quasi dirigenziali. Dopo che l’azienda per cui lavoravo è fallita, per due mesi ho usufruito della cassa integrazione, poi sono entrato in mobilità. Negli ultimi sei mesi, ho lavorato per la Regione Piemonte, facendo “lavori socialmente utili”, che vengono retribuiti 600 euro al mese». La scorsa settimana gli è scaduta la mobilità: «Ora sono a reddito zero. Mia moglie -  precisa - lavora nel tessile/abbigliamento, ma abbiamo due figli, di 16 e 18 anni». L’uomo le ha provate tutte pur di trovare un’occupazione: «Non cerco un lavoro alla Nato - spiega - ma un normale impiego. Ho mandato curricula, chiesto aiuto alle conoscenze di una vita, ho competenze e professionalità. L’unica cosa che mi resta da fare è offrire dei soldi...». Chi volesse rispondere all’appello può contattare il 348.3204407 oppure via mail: riofili59@gmail.com

sh.c.

«Metto a disposizione i miei ultimi risparmi, 500 euro, a chi mi offrirà un’opportunità di lavoro seria». E’ chiaramente una provocazione quella di D.F., 56 anni, residente nel torinese, che ha inviato una lettera a www.primabiella.it dal titolo “ultima spiaggia”. «Ad oggi - spiega l’uomo - gli over 50 non sono presi in considerazione dall’ambiente lavorativo». Perché un torinese ha deciso di rivolgersi a una testata biellese? «Qualche giorno fa - spiega ancora - ho sentito alla radio che il settore tessile è in ripresa. Biella vive di tessile. Ho pensato ci potesse essere un’opportunità di lavoro anche per me». L’uomo ha coperto incarichi di prestigio per diverse multinazionali. «Poi, dai primi anni 2000 - racconta - ho lavorato per una casa di spedizioni leader nel mercato che tre anni fa ha chiuso. Ero un “ex quadro”, figura con mansioni quasi dirigenziali. Dopo che l’azienda per cui lavoravo è fallita, per due mesi ho usufruito della cassa integrazione, poi sono entrato in mobilità. Negli ultimi sei mesi, ho lavorato per la Regione Piemonte, facendo “lavori socialmente utili”, che vengono retribuiti 600 euro al mese». La scorsa settimana gli è scaduta la mobilità: «Ora sono a reddito zero. Mia moglie -  precisa - lavora nel tessile/abbigliamento, ma abbiamo due figli, di 16 e 18 anni». L’uomo le ha provate tutte pur di trovare un’occupazione: «Non cerco un lavoro alla Nato - spiega - ma un normale impiego. Ho mandato curricula, chiesto aiuto alle conoscenze di una vita, ho competenze e professionalità. L’unica cosa che mi resta da fare è offrire dei soldi...». Chi volesse rispondere all’appello può contattare il 348.3204407 oppure via mail: riofili59@gmail.com

sh.c.

 

 

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA - VIDEO