Cronaca

Morì contro un trattore: omicidio stradale

Morì contro un trattore: omicidio stradale
Cronaca 14 Dicembre 2017 ore 19:23

E’ omicidio stradale. Quel trattore stava procedendo a una velocità talmente ridotta (circa 25 chilometri all’ora) «da costituire intralcio e pericolo per il normale flusso della circolazione», scrive il magistrato. Il trattore, che trainava uno spargifieno, non era inoltre equipaggiato con i dispositivi supplementari a luce lampeggiante gialla o arancione del tipo approvato dal Ministero dei Trasporti. A queste conclusioni - sulla base delle relazioni redatte dai carabinieri del Nucleo radiomobile di Cossato - è giunta la Procura in merito al caso della giovane di Brusnengo, Simona Calore, 30 anni, morta il 24 giugno dell’anno scorso lungo la superstrada Biella-Cossato. Il conducente del trattore verrà pertanto processato.
Valter Caneparo
Leggi di più sull'Eco di Biella in edicola 

E’ omicidio stradale. Quel trattore stava procedendo a una velocità talmente ridotta (circa 25 chilometri all’ora) «da costituire intralcio e pericolo per il normale flusso della circolazione», scrive il magistrato. Il trattore, che trainava uno spargifieno, non era inoltre equipaggiato con i dispositivi supplementari a luce lampeggiante gialla o arancione del tipo approvato dal Ministero dei Trasporti. A queste conclusioni - sulla base delle relazioni redatte dai carabinieri del Nucleo radiomobile di Cossato - è giunta la Procura in merito al caso della giovane di Brusnengo, Simona Calore, 30 anni, morta il 24 giugno dell’anno scorso lungo la superstrada Biella-Cossato. Il conducente del trattore verrà pertanto processato.
Valter Caneparo
Leggi di più sull'Eco di Biella in edicola 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter