Minori, Favero scettica su “Allontanamento zero”

L’ex senatore Pd in una lettera: “É necessario curare prima di tutto l’interesse dei bambini”.

Minori, Favero scettica su “Allontanamento zero”
Biella Città, 09 Gennaio 2020 ore 18:08

Minori, Favero scettica su “Allontanamento  Zero”. L’ex senatore Pd in una lettera: “É necessario curare prima di tutto l’interesse dei bambini”.

Minori, Favero scettica su “Allontanamento  Zero”

 Se “il dubbio è l’inizio della sapienza” ed “il miglior modo per risolvere un problema è poterlo scomporre nelle più semplici parti “, come affermava il filosofo Cartesio, mi chiedo come l’Assessora Caucino, con delega al Welfare in Regione Piemonte da giugno scorso, possa non esser assalita da qualche ragionevole dubbio in merito alla Legge denominata “Allontanamento Zero “da lei fortemente voluta, a risorse invariate, e che inizia l’iter di discussione in Regione il 13 gennaio

La delicatezza delle problematiche inerenti minori e famiglie e un mondo che ruota loro intorno fatto di una miriade di professionisti (operatori socio assistenziali, sanitari, educativi, amministratori, magistrati e avvocati, psicologi e formatori, universitari e sindacalisti e non ultimi volontari e forze dell’ordine) presupporrebbe prudenza nell’ingranare le marce nel proporre una legge da parte di un legislatore, tenuto conto che proprio da autorevoli rappresentanti di quei mondi ormai non solo in Piemonte si stanno evidenziando pesanti perplessità, oltre a quelle di tanti politici anche della maggioranza in Regione.

I dati facilmente reperibili sulla situazione relativa a affidi e adozioni, l’evidenza scientifica rappresentata da molti docenti di diverse Università Italiane e ben riportata dai media, ci offrono una narrazione ben diversa da quella pervicacemente raccontata dall’Assessora, appoggiata dal Presidente Cirio. E non si tratta solo di ignorare, di non partire dal punto di vista di chi dev’esser prioritariamente tutelato con ampie garanzie sopra tutto e tutti, cioè il minore; non si tratta solo di non entrare come un elefante in un negozio di cristalleria, si tratta anche di non denigrare un modello di sostegno a minori e famiglie in difficoltà, di cui mi sento orgogliosa, costruito in tanti anni in questa Regione da svariati attori. 

Lo chiedo con rispetto al Presidente Cirio ed all’Assessora Caucino, ma con la determinazione che deriva anche da età ed esperienza, chiedo loro di fermarsi e di ascoltare, chiedo loro di ricordare di partire sempre dai Minori, curando il loro interesse, di non partire da ipotetiche bandierine da sventolare e piantare. Partire dai Minori io non l’ho enunciato, l’ho vissuto per decenni come Maestra, nel quinquennio come Assessora all’Educazione e Politiche Sociali nel Comune di Biella, avevo diverse tutele anche di minori, e come Parlamentare nei recenti cinque anni in Senato.

 Nicoletta Favero

LEGGI ANCHE ALTRE NOTIZIE SUL SITO DI ECO DI BIELLA

SU FACEBOOK SEGUI anche la nostra pagina ufficiale Eco di Biella: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

SU TWITTER SEGUI @ECODIBIELLA

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei