Cronaca

Minacce, botte e una vetrina sfondata

Minacce, botte e una vetrina sfondata
Cronaca 25 Luglio 2016 ore 13:02

E’ stato arrestato per l’ennesima volta per violazione delle prescrizioni imposte dalla sorveglianza speciale e per danneggiamento aggravato per aver contribuito a sfondare la vetrina del negozio “Frutta e verdura” di piazza 1° Maggio. Dallo stesso negozio è stato rubato il registratore di cassa che conteneva monete per un’ottantina di euro. Ma non ci sono prove che sia stato lo stesso giovane dal passato turbolento a commettere il furto. Anche se la cassa è stata ritrovata dai poliziotti sui gradini d’accesso alla casa di riposo Belletti Bona e il sospettato è stato fermato e arrestato poco distante, in via Cerino Zegna. Nei guai è di nuovo finito Ouahid Naim, origini marocchine, di Biella, 22 anni, che ha già accumulato così tanti procedimenti penali da far accapponare la pelle: almeno una cinquantina, per una serie lunga così di accuse, venti dei quali per evasione dai domiciliari e per aver violato le misure che gli sono state imposte con la sorveglianza speciale.

Valter Caneparo

Vuoi saperne di più? Leggilo sull’Eco di Biella di lunedì 25 luglio in edicola o in versione digitale sfogliabile

E’ stato arrestato per l’ennesima volta per violazione delle prescrizioni imposte dalla sorveglianza speciale e per danneggiamento aggravato per aver contribuito a sfondare la vetrina del negozio “Frutta e verdura” di piazza 1° Maggio. Dallo stesso negozio è stato rubato il registratore di cassa che conteneva monete per un’ottantina di euro. Ma non ci sono prove che sia stato lo stesso giovane dal passato turbolento a commettere il furto. Anche se la cassa è stata ritrovata dai poliziotti sui gradini d’accesso alla casa di riposo Belletti Bona e il sospettato è stato fermato e arrestato poco distante, in via Cerino Zegna. Nei guai è di nuovo finito Ouahid Naim, origini marocchine, di Biella, 22 anni, che ha già accumulato così tanti procedimenti penali da far accapponare la pelle: almeno una cinquantina, per una serie lunga così di accuse, venti dei quali per evasione dai domiciliari e per aver violato le misure che gli sono state imposte con la sorveglianza speciale.

Valter Caneparo

Vuoi saperne di più? Leggilo sull’Eco di Biella di lunedì 25 luglio in edicola o in versione digitale sfogliabile

Seguici sui nostri canali