Menu
Cerca

Milanese apre bar a Valle Mosso

Merito di Jacopo Bazzani, ex rappresentante, in valle per amore della sua Stefania.

Milanese apre bar a Valle Mosso
Valli Mosso e Sessera, 26 Marzo 2019 ore 07:00

Milanese apre bar a Valle Mosso.

Da Milano per aprire un bar a Valle Mosso. E' la storia di Jacopo Bazzani, ex agente di commercio del capoluogo lombardo, che, per amore, si è trasferito nel Biellese.
Ora vive a Strona e gestisce l' “Old Station”, il caffè ristorante aperto pochi mesi fa a Valle Mosso, a due passi dal Conad e dalla vecchia stazione degli autobus.

Chi è

Cinquant'anni, ne compirà 51 a giugno, Jacopo Bazzani gestisce l' “Old Station” insieme alla moglie Stefania.
Per lei si è trasferito nel Biellese e ha cambiato vita: «Ci siamo conosciuti trent'anni fa – racconta – quando lavoravo alla discoteca "Le Cave" di Vintebbio. Ai tempi facevo il rappresentante.
Nel 1996 ci siamo sposati e, per oltre un decennio, io ho fatto il pendolare dal Biellese a Milano, poi, cinque anni fa, ho detto: “Basta, fermiamoci qui perché rischiamo di consumarci per strada”.
I due hanno prima preso in gestione il centro sportivo “Sport village” di Pianezze, a Camandona, poi sono passati all' “Old Station” di Valle Mosso. «Avevamo già in mente questo progetto, è venuta fuori l'occasione di questo locale».

Lo stabile che ospita l' “Old Station” è quello che nei primi anni 2000 ospitava il Bar della stazione: «Il palazzo – racconta Bazzani – era vecchio e fatiscente ed è stato ricostruito.
E' di proprietà di una finanziaria: sapendo che affittavano i locali, li abbiamo contattati e, dopo qualche giorno di trattativa, abbiamo trovato l'accordo».
L' “Old Station” è un locale tutto nuovo, moderno: «E' mia moglie Stefania che si è occupata dell'allestimento – racconta ancora Bazzani – si è ispirata agli alberghi del Trentino».
Aperto da dicembre 2018, il locale sta riscuotendo successo: «Stiamo avendo un buon riscontro – racconta il titolare – aprendo alle 6 di mattina molti vengono a fare colazione. Proponiamo anche pranzi con menù del giorno o alla carta, tutto cucinato rigorosamente da noi, e di sera organizziamo aperitivi e qualche evento. Siamo contenti...».

Il defibrillatore

All'interno , accanto alla cassa, è presente anche un defibrillatore: «Lo abbiamo portato da Pianezze – spiega Bazzani – là lo avevamo perché per le società sportive è obbligatorio».
Fino ad oggi i coniugi Bazzani hanno avuto la fortuna di non doverlo mai utilizzare: «Menomale – conclude Jacopo Bazzani – in ogni caso lo sappiamo usare entrambi.
Sia io sia mia moglie abbiamo frequentato il corso, io poi ne ho seguito uno aggiuntivo qui Biella, in Croce Rossa».

Shama Ciocchetti

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE

CLICCA SULLA PAGINA FACEBOOK DI ECO