aggressione

Massacrato dai bulli per un videogame

E’ stata una vera e propria spedizione punitiva.

Massacrato dai bulli per un videogame
Biella Città, 04 Giugno 2020 ore 07:00

Massacrato dai bulli per un videogame. E’ stata una vera e propria spedizione punitiva.

Massacrato dai bulli per un videogame

Per colpa di una sorta di sgarro durante un confronto ad un videogame online, lo hanno aspettato e seguito fino a casa riempiendolo di insulti e minacce lungo il tragitto. Alla fine lo hanno picchiato come furie scatenate, procurandogli lesioni giudicate guaribili in poco meno di un mese. C’è persino chi ha afferrato un sasso e lo ha colpito forte tra l’occhio e la tempia, chi lo ha preso a calci e chi a pugni. Chi sputava e vomitava gli insulti più beceri. Mentre due ragazzine incitavano gli amici a picchiare sempre più forte.
Una scena da panico interrotta dalle urla di un passante che solo per un soffio non è finita in tragedia.

La spedizione

E’ stata una vera e propria spedizione punitiva in due round, uno andato e vuoto e uno che ha ridotto ad una maschera di sangue un ragazzo di 16 anni, quella inscenata da una banda di bulli da strapazzo di età compresa tra i 13 e i 20 anni, quasi tutti provenienti dalla zona del Villaggio La Marmora. E tutto per colpa di un popolare videogame. I coinvolti sarebbero 14, otto protagonisti della prima spedizione punitiva che non era riuscita a colpire nel segno, altri sei nella seconda durante la quale i bulli hanno massacrato di botte il loro bersaglio.

 

Leggi l’articolo completo su Eco di Biella in edicola oggi, giovedì 4 giugno

ECO DI BIELLA EDIZIONE DIGITALE la tua copia a 0,99 euro

LE ALTRE NOTIZIE NELLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità