la proposta

Lockdown, Lega: “Chiusure differenziate tra province e comuni”

Lo propone la Lega Salvini Piemonte.

06 Novembre 2020 ore 18:43

Lockdown, Lega: “Chiusure differenziate tra province e comuni”. Lo propone la Lega Salvini Piemonte.

Lockdown, Lega: “Chiusure differenziate”

Se proprio lockdown dev’essere che le chiusure siano differenziate tra provincie e comuni. Lo chiedono i consiglieri dei territori della Lega Salvini Piemonte:

“Non solo il governo ci ha imposto il lockdown basandosi su dati vecchi di dieci giorni che non fotografano il reale quadro epidemiologico del Piemonte – si legge in una nota – ma non ha neppure considerato le differenze, anche profondissime, tra i nostri territori. Dopo il caso del Vco, i consiglieri del gruppo Lega Salvini Piemonte tornano a denunciare l’ingiustizia di una chiusura totale per tutta la regione, rilanciando anche le preoccupazioni espresse dall’Uncem: per diffusione del contagio e servizi alla cittadinanza, non si può equiparare una grande città a un piccolo Comune, così come non ha senso accumunare tutto il Piemonte a un unico indice Rt senza tenere conto della circolazione del virus e dei diversi tassi di occupazione ospedaliera. Non un dualismo tra campanile e metropoli, ma una sacrosanta richiesta di autonomia che Roma ha nuovamente calpestato con i suoi no”.

“Nel Biellese – dice Michele Mosca, consigliere segretario dell’ufficio di presidenza – quasi il 50% dei municipi conta meno di mille abitanti. Questi piccoli comuni non hanno all’interno del proprio territorio tutti i servizi necessari per affrontare una chiusura forzata. Senza dimenticare che anche i dati dei contagi su base scientifica danno ragione all’apertura differenziata tra zone in cui i numeri sono, fortunatamente, ancora sotto controllo: non è certo campanilismo, ma la difesa dei centri più piccoli passa anche da accortezze che, per chi invece decide se il giorno dopo si lavorerà o no, sono evidentemente sconosciute. Quando la Lega parla di autonomia alle Regioni è perché vuole superare proprio questo tipo di carenze: livelli decisionali completamente avulsi dalla realtà territoriale. Se il Governo pensa di avviare un processo centralista, usando l’emergenza sanitaria, fa emergere sin da questi primi embrionali tentativi la pochezza dell’approccio”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità