Menu
Cerca

Litigano armati di roncola e motosega

Litigano armati di roncola e motosega
Cronaca 17 Marzo 2016 ore 19:38

Le statistiche sostengono che i biellesi sono i più litigiosi d’Italia. E i casi che ogni giorno si verificano in provincia ne danno conferma. Vecchi rancori tra anziani vicini di cascina, hanno rischiato di finire male l’altro giorno in frazione San Paolo Cervo, nel nuovo comune di Campiglia. Come in un vero duello rusticano con armi un po’ anomale, uno dei due uomini si è avventato contro l’altro mostrando in modo minaccioso una roncola. L’altro ha anticipato quello che poteva sembrare un assalto, sollevando la motosega accesa, spianandola verso il rivale e pronunciando le parole di sfida: «Ti taglio in due».

Ad affrontarsi sono stati un uomo di 70 anni, originario di Vigevano, che da anni abita in Valle Cervo, e il proprietario della cascina vicina, un uomo di 77 anni, originario del posto. Gli animi si sono scaldati per una battuta tutto sommato banale, anche se tagliente, su questioni che ormai parevano superate dal tempo trascorso. Quella frase maligna ha invece fatto infuriare uno dei due che è entrato in casa e vi è uscito subito dopo impugnando una roncola. Il vicino, stizzito per quel gesto, non è rimasto a guardare e a subire: ha impugnano la motosega accesa che in quel momento stava utilizzando per tagliare legna e l’ha puntata contro il vicino di cascina. Per fortuna i rispettivi parenti sono riusciti a calmare gli animi prima che qualcuno si facesse sul serio male. Sono quindi intervenuti i carabinieri di Andorno Micca che hanno denunciato entrambi i pensionati per il porto abusivo di oggetti atti ad offendere nonché per il reato di minacce aggravate.

I militari hanno sequestrato sia la motosega sia la roncola. Il proprietario di quest’ultimo arnese, è stato inoltre denunciato per il reato di omessa custodia di armi e per il possesso di un discreto numero di munizioni non dichiarate.

V.Ca.

Le statistiche sostengono che i biellesi sono i più litigiosi d’Italia. E i casi che ogni giorno si verificano in provincia ne danno conferma. Vecchi rancori tra anziani vicini di cascina, hanno rischiato di finire male l’altro giorno in frazione San Paolo Cervo, nel nuovo comune di Campiglia. Come in un vero duello rusticano con armi un po’ anomale, uno dei due uomini si è avventato contro l’altro mostrando in modo minaccioso una roncola. L’altro ha anticipato quello che poteva sembrare un assalto, sollevando la motosega accesa, spianandola verso il rivale e pronunciando le parole di sfida: «Ti taglio in due».

Ad affrontarsi sono stati un uomo di 70 anni, originario di Vigevano, che da anni abita in Valle Cervo, e il proprietario della cascina vicina, un uomo di 77 anni, originario del posto. Gli animi si sono scaldati per una battuta tutto sommato banale, anche se tagliente, su questioni che ormai parevano superate dal tempo trascorso. Quella frase maligna ha invece fatto infuriare uno dei due che è entrato in casa e vi è uscito subito dopo impugnando una roncola. Il vicino, stizzito per quel gesto, non è rimasto a guardare e a subire: ha impugnano la motosega accesa che in quel momento stava utilizzando per tagliare legna e l’ha puntata contro il vicino di cascina. Per fortuna i rispettivi parenti sono riusciti a calmare gli animi prima che qualcuno si facesse sul serio male. Sono quindi intervenuti i carabinieri di Andorno Micca che hanno denunciato entrambi i pensionati per il porto abusivo di oggetti atti ad offendere nonché per il reato di minacce aggravate.

I militari hanno sequestrato sia la motosega sia la roncola. Il proprietario di quest’ultimo arnese, è stato inoltre denunciato per il reato di omessa custodia di armi e per il possesso di un discreto numero di munizioni non dichiarate.

V.Ca.