Menu
Cerca
anno giudiziario

Le coppie scoppiano: record di divorzi nel Biellese

Le convivenze forzate durante il lockdown ha fatto aumentare anche le separazioni

Le coppie scoppiano: record di divorzi nel Biellese
Cronaca Biella Città, 14 Febbraio 2021 ore 09:01

Dal report dell’inaugurazione dell’anno giudiziario, emergono le ferite aperte in merito agli organici di giudici e personale amministrativo del Tribunale di Biella e un dato incredibile in riferimento a numerose coppie sposate nel Biellese che, soprattutto per colpa della difficile convivenza forzata causata dai lockdown per limitare i contagi da coronavirus, sono letteralmente scoppiate mettendo a segno dei veri e propri record per separazioni e divorzi.

Gli organici

Partiamo dalla situazione del Tribunale che in parte si è alleviata con l’arrivo da pochi mesi di nuovi giudici già molto apprezzati. Stando alla relazione dell’anno giudiziario (che si riferisce a dodici mesi a partire dal 1° luglio fino al 30 giugno dell’anno successivo) permangono le scoperture del passato, del 30 per cento, che sono in parte migliorate anche con l’arrivo di tre nuovi giudici onorari, organizzati come al solito al meglio della presidente Paola Rava.

Impiegati giudiziali

E’ invece definita letteralmente “drammatica” la mancanza di dirigenti nel personale amministrativo. Intanto, nei giorni scorsi, un’altra impiegata amministrativa ha raggiunto la pensione. Negli uffici risultano così evidenti le scoperture che vengono solo in parte compensate dalla buona volontà di chi ci lavora.

L’alta conflittualità

Se è vero che la convivenza forzata dei mesi scorsi ha portato a un aumento dei casi di maltrattamenti in famiglia, è anche vero che per l’alta conflittualità familiare sono aumentate sensibilmente le separazioni: quelle consensuali sono passate da 21 del 2019 a 51 del 2020, quelle davanti al giudice, le giudiziali, da 85 a 94. E sono veramente tante le coppie che hanno scelto di dirsi addio definitivamente. In questo caso la percentuale di aumento fa impressione. I divorzi, infatti, sono passati da 19 a 89 e quelli contenziosi da 95 a 104.