Cronaca

La GdF scopre un altro fantasma del Fisco

La GdF scopre un altro fantasma del Fisco
Cronaca 22 Marzo 2013 ore 10:16

Un altro evasore totale è stato scovato nei giorni scorsi dalla Guardia di finanza. E’ titolare di una ditta di autotrasporti e spedizioni con sede in centro a Biella. Nel corso degli anni in cui è rimasto sconosciuto al Fisco, l’imprenditore si sarebbe “scordato” di dichiarare ricavi nella misura di circa 515 mila euro e Iva dovuta per oltre 45 mila euro.

Le indagini. L’ennesimo evasore è stato scoperto dagli uomini dello speciale Nucleo di Polizia tributaria coordinato dal tenente colonnello Cruciano Cruciani. Da tempo i militari avevano posto la loro attenzione sull’attività dello spedizioniere. I controlli incrociati hanno permesso di rilevare che la società in questione non aveva presentato alcuna dichiarazione fiscale per gli anni d’imposta 2005-2007. La meticolosa ricostruzione del volume d’affari del soggetto, per anni “fantasma” per il Fisco, ha permesso di segnalare i ricavi non dichiarati per il recupero a tassazione.

Denunciato. Considerato che l’imposta evasa supera le soglie di punibilità previste dalla legge, il rappresentante legale della società di autotrasporti è stato denunciato alla Procura per il reato di omessa presentazione della dichiarazione (punito con la reclusione da 1 a 3 anni). Lo stesso amministratore è stato tra l’altro segnalato per aver occultato le scritture contabili obbligatorie.

Già 16 “fantasmi”. Incredibili e preoccupanti i dati forniti dalla Guardia di finanza di Biella in merito al numero degli evasori totali scoperti dall’inizio di quest’anno. Sono ben 16. Il recupero di base imponibile è stato pari a 4.857.867 euro. «Ciò dimostra - spiega il colonnello Ugo Raffaele Dallerice, comandante provinciale delle Fiamme gialle -, quanto sia proficuo lo sforzo che quotidianamente i finanzieri biellesi profondono per controllare anche sotto il profilo economico il territorio. Non ci sono soggetti più bravi o cattivi di altri. Tra gli evasori finora scoperti ve ne sono di tutti i settori, professionisti compresi...».

Concorrenza sleale. Il colonnello Dallerice prosegue rimarcando che questo spedizioniere, come già più volte ribadito, «oltre a rappresentare un soggetto che per anni non ha corrisposto all’erario quanto dovuto sia in termini d’imposizione diretta sia d’imposizione indiretta, ha senz’altro contribuito a inquinare il mercato delle specifiche prestazioni, potendole sicuramente fornire a prezzi più vantaggiosi, risparmiando su imposte che gli altri colleghi, rispettosi delle normative vigenti, invece versano con la consapevolezza di alimentare così il circolo virtuoso dei servizi...».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter