Menu
Cerca

L’orefice derubato: «Ma nessuno ha sentito rumori?»

L’orefice derubato: «Ma nessuno ha sentito rumori?»
Cronaca 24 Marzo 2016 ore 21:54

GAGLIANICO - «Sembra incredibile che nessuno abbia sentito nulla. I ladri hanno lavorato dalle 21 in avanti perché mi sono fermato al lavoro fino a tardi e fino a quell’ora non ho sentito o visto nulla di anomalo. Possibile che nessuno nel palazzo abbia sentito dei rumori...». La domanda se l’è posta il proprietario della “Bottega dell’oro”, il negozio di compravendita

di oggetti preziosi che si affaccia lungo via Gramsci a Gaglianico. Il bottino del furto ammonta a oltre ventimila euro in oro ai quali ci sono da aggiungere danni materiali notevoli. Per entrare nel negozio, i ladri sono passati dalla vicina parrucchiera dopo aver praticato un buco nel muro. Prima di andarsene sono riusciti a rendere inutilizzabili le immagini delle telecamere a infrarossi dell’impianto a circuito chiuso. Nella notte è scattato l’allarme, ma i ladri devono essersi nascosti in attesa che il proprietario della “Bottega” e i carabinieri - subito arrivati per effettuare un sopralluogo all’esterno del negozio non riscontrando nulla di apparentemente anomalo - si allontanassero. A quel punto sono entrati in azione e hanno rubato tutto l’oro esposto. Il colpo è stato studiato alla perfezione. Ad accorgersi per prima del

colpo è stata la parrucchiera che l’altra mattina è entrata e ha visto il buco nel muro.

V.Ca.

GAGLIANICO - «Sembra incredibile che nessuno abbia sentito nulla. I ladri hanno lavorato dalle 21 in avanti perché mi sono fermato al lavoro fino a tardi e fino a quell’ora non ho sentito o visto nulla di anomalo. Possibile che nessuno nel palazzo abbia sentito dei rumori...». La domanda se l’è posta il proprietario della “Bottega dell’oro”, il negozio di compravendita di oggetti preziosi che si affaccia lungo via Gramsci a Gaglianico. Il bottino del furto ammonta a oltre ventimila euro in oro ai quali ci sono da aggiungere danni materiali notevoli. Per entrare nel negozio, i ladri sono passati dalla vicina parrucchiera dopo aver praticato un buco nel muro. Prima di andarsene sono riusciti a rendere inutilizzabili le immagini delle telecamere a infrarossi dell’impianto a circuito chiuso. Nella notte è scattato l’allarme, ma i ladri devono essersi nascosti in attesa che il proprietario della “Bottega” e i carabinieri - subito arrivati per effettuare un sopralluogo all’esterno del negozio non riscontrando nulla di apparentemente anomalo - si allontanassero. A quel punto sono entrati in azione e hanno rubato tutto l’oro esposto. Il colpo è stato studiato alla perfezione. Ad accorgersi per prima del colpo è stata la parrucchiera che l’altra mattina è entrata e ha visto il buco nel muro.

V.Ca.