Cronaca

Incidente a Roasio, resta grave a Torino il piccolo Gioele

Incidente a Roasio, resta grave a Torino il piccolo Gioele
Cronaca 17 Settembre 2015 ore 13:32

Sono stabili le condizioni di Gioele, il bambino di tre anni che domenica scorsa è stato trasportato d’urgenza al Regina Margherita di Torino dopo un incidente stradale capitato a Roasio. Sottoposto ad una delicatissima operazione chirurgica alla testa è ora sotto intensa osservazione da parte dei medici. La prognosi non è ancora stata sciolta, anche se traspare un cauto ottimismo da parte del personale del Regina Margherita. Non resta che attendere altri segnali positivi. 

Il padre, Marco Gardiolo, 33 anni, assessore al Comune di Ponderano, è sempre vicino al piccolo, così come il sindaco Elena Chiorino e i tanti amici che in queste ore fanno la spola da Biella a Torino. La mamma Debora si è fortunatamente ripresa dopo l’operazione alla milza ed è stata dichiarata fuori pericolo. Così come l’altro figlio della coppia, Diego, un anno, che a parte qualche ammaccatura e la frattura della clavicola è in buone condizioni. 

E.P.

Leggi di più sull’Eco di Biella di giovedì 17 settembre 2015

Sono stabili le condizioni di Gioele, il bambino di tre anni che domenica scorsa è stato trasportato d’urgenza al Regina Margherita di Torino dopo un incidente stradale capitato a Roasio. Sottoposto ad una delicatissima operazione chirurgica alla testa è ora sotto intensa osservazione da parte dei medici. La prognosi non è ancora stata sciolta, anche se traspare un cauto ottimismo da parte del personale del Regina Margherita. Non resta che attendere altri segnali positivi. 

Il padre, Marco Gardiolo, 33 anni, assessore al Comune di Ponderano, è sempre vicino al piccolo, così come il sindaco Elena Chiorino e i tanti amici che in queste ore fanno la spola da Biella a Torino. La mamma Debora si è fortunatamente ripresa dopo l’operazione alla milza ed è stata dichiarata fuori pericolo. Così come l’altro figlio della coppia, Diego, un anno, che a parte qualche ammaccatura e la frattura della clavicola è in buone condizioni. 

E.P.

Leggi di più sull’Eco di Biella di giovedì 17 settembre 2015

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter