immigrazione

In 227 aspettano il permesso di soggiorno

Difficile sapere se qualcuno sia positivo al coronavirus o risulti essere stato malato

In 227 aspettano il permesso di soggiorno
Biella Città, 04 Maggio 2020 ore 07:30

In 227 aspettano il permesso di soggiorno.

Le iniziative messe in campo

Il coronavirus non può essere una scusante per alimentare l’egoismo. E i migranti, e le loro esigenze, non possono finire in un dimenticatoio, altrimenti si rischia di cadere nell’«abisso dell’indifferenza». Lo ha ricordato Papa Francesco nel corso di una delle sue omelie, invitando i fedeli a non dimenticare gli ultimi, i migranti e i poveri. Anche e soprattutto ai tempi del Covid-19.
In effetti, a una situazione già di per sé delicata, quella della gestione dei migranti e della loro integrazione, si aggiunge ora l’emergenza sanitaria.
«In base ai dati che ci sono stati recentemente forniti dalla Prefettura – spiega Gabriel Baravalle, del Tavolo Migranti Biella – sono attualmente 227 i migranti ospiti dei Cas biellesi (i centri di accoglienza straordinaria) gestiti dalle cooperative Versoprobo e Nuova Vita e dall’associazione Pacefuturo. A loro si aggiungono quelli presenti nei Siproimi (ex Sprar), di cui, al momento, non ci sono stati forniti numeri certi».

Il servizio completo in edicola oggi su Eco di Biella.

ECO DI BIELLA EDIZIONE DIGITALE la tua copia a 0,99 euro

LE ALTRE NOTIZIE NELLA HOME

SU FACEBOOK ISCRIVITI AL NOSTRO GRUPPO prima BIELLA

SU TWITTER SEGUI @ecodibiella

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità