un 2020 sempre più difficile

Imprese: dopo il Covid, la scure del fisco

Gatti (Confartigianato): «Un terzo delle aziende artigiane già decimata». Bolli (Uib): «Danno grave»

Imprese: dopo il Covid, la scure del fisco
Biella Città, 24 Luglio 2020 ore 09:17

Imprese: dopo il Covid, la scure del fisco.

Ripartenza a suon di tasse e scadenze

Dopo il mancato rinvio delle scadenze fiscali da luglio a settembre, i commercialisti scendono sul piede di guerra, annunciando che se l’esecutivo non tornerà sui propri passi sono pronti allo sciopero, vale a dire il mancato invio dei dati fiscali. La posizione dei commercialisti trova eco tanto nella politica quanto nel mondo dell’imprenditoria. Del resto, a conti fatti, già stremati dall’effetto Covid 19 che ha falcidiato senza pietà i fatturati, gli imprenditori e i lavoratori autonomi si trovano oggi, per scelta del governo, esposti a una pletora imponente di adempimenti: dal 16 al 30 luglio sono circa 260. «Di fronte a una simile situazione, sarebbe imperativo intervenire per non mettere tanti, troppi lavoratori autonomi, partite Iva, professionisti, piccoli artigiani e commercianti di fronte all’alternativa se pagare le imposte o tenere in piedi le attività – dice il commercialista biellese Alberto Solazzi -. Il primo rischio, infatti, è proprio quello del mancato pagamento delle imposte dovuto tanto alla mancanza di mezzi da parte delle imprese, i cui fatturati sono stati tagliati dal lungo lockdown, quanto al sovrapporsi di scadenze e adempimenti. Ancora una volta, chi doveva decidere, lo ha fatto prigioniero di una visione esclusivamente burocratica, una visione che non tiene conto del dinamismo reale della vita economica delle imprese».

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno