Cronaca

Il comune dichiara guerra ai truffatori: lezioni anti-raggiro agli abitanti

A Gaglianico parte venerdì il progetto Attenzione alla truffa rivolto in particolare agli anziani del paese

Il comune dichiara guerra ai truffatori: lezioni anti-raggiro agli abitanti
Cronaca Grande Biella, 09 Novembre 2021 ore 09:01

Gaglianico si attrezza contro le truffe, in particolare ai danni di persone anziane. E proprio a Centro Anziani parte il progetto “Attenzione alla truffa”. Primo incontro venerdì prossimo 12 novembre.

Attenzione alla Truffa con il corpo di Polizia Locale

Venerdì 12 novembre alle ore 16.30 presso il Centro Anziani prenderà il via il progetto “Attenzione alla Truffa” organizzato dalla Polizia Locale del Comune di Gaglianico con la collaborazione del Comando Stazione Carabinieri di Candelo.

L’iniziativa fa parte degli interventi fortemente voluti dall’Amministrazione Comunale nell’ambito delle azioni facenti capo all’Assessorato “Sostegno e Iniziative per le Persone Anziane” ed è stato pensato per aiutare gli anziani a riconoscere le situazioni di pericolo che spesso si traducono in truffe e raggiri ai loro danni.

«Questo progetto – precisa il Sindaco Paolo Maggia – è solo il primo dei tanti che la nostra Amministrazione ha previsto per garantire la sicurezza a 360° di tutti i cittadini. Ringrazio il Vice Sindaco Memic che insieme all’Assessore Elda Chiocchetti e alla Capogruppo Eleonora Selva si sono spesi affinché questa iniziativa specifica si realizzi concretamente».

Casotto: "Terza età facile bersaglio dei malintenzionati"

Il Dott. Mauro Casotto, capo della Polizia Locale del Comune di Gaglianico, spiega come «la terza età risulti un facile bersaglio all’occhio del malevolo in quanto particolarmente vulnerabile. Durante la pandemia abbiamo assistito ad una pausa di questo tipo di illeciti che sono però prontamente tornati in modo prepotente anche grazie al fatto che l’isolamento forzato ha contribuito ad accrescere il senso di solitudine e di conseguenza la necessità di comunicare con qualcuno, spesso abbassando la soglia di attenzione».

Proprio da questo nasce l’urgenza di attivare questo progetto già programmato ma mai come adesso così importante, un incontro di prevenzione con l’intenzione di comunicare sicurezza e di consentire ai nostri anziani di vivere serenamente pur mantenendo intatti i propri spazi di autonomia.

Nelle foto il comandante della Municipale Casotto, la vice sindaco Memic e l'assessore Ciocchetti