Cronaca

Il Biellese in un libro fantasy

Il Biellese in un libro fantasy
Cronaca 14 Agosto 2016 ore 08:12

Ci si guardi attorno bene, perché una volta letto il primo libro della saga del clan della Immanem, il Biellese avrà acquisito un’atmosfera nella quale pochi avrebbero creduto potesse venire immerso. Eppure, il nostro territorio - da Mongrando a Occhieppo, passando per Biella centro e  il Brich di Zumaglia. fino al Ricetto di Candelo - è un vero co-protagonista nel lavoro scritto dalla conterranea Giulia Coppa, aspirante scrittrice di professione di 22 anni iscritta alla Facoltà di Lingue Straniere Moderne all’Università “Avogadro” (in foto). Ecco allora che ciò che i nostri posti acquistano, nel libro appena pubblicato dalla studentessa, può dirsi, in sintesi: atmosfera da “fantasy”.

 

Questo il genere sotto la cui etichetta può venire inquadrato “La gloria del sangue - Il clan della Immanem, l’Immortale”, per il quale Giulia Coppa ha creato un personaggio principale - Alessia che poi scoprirà di essere Aletcsa - e un vero e proprio mondo “sotterraneo”, che corre nelle profondità  delle catene montuose più concentrate del pianeta e che vede il Biellese anticamera della “Cattedrale” valdostana, sotto alle Alpi e al Monte Bianco. Un mondo fatto di creature dagli speciali poteri e dalle atipiche sembianze, in cui Alessia farà i conti con la sua nuova identità, le sue origini e il suo futuro. E un amore che dà il “la” alla vicenda e così la chiude, in un finale aperto, che - assicura l’autrice - sarà seguito da un secondo libro, già in fase di stesura.

 

Giulia Coppa presenterà il libro: il 18 agosto, a Villa Cernigliaro, a Sordevolo, alle 18; il 21 al Lanificio Botto, a Miagliano, alle 17. Per altre informazioni, consultare la pagina Facebook “La gloria del sangue”.

Giovanna Boglietti

Ci si guardi attorno bene, perché una volta letto il primo libro della saga del clan della Immanem, il Biellese avrà acquisito un’atmosfera nella quale pochi avrebbero creduto potesse venire immerso. Eppure, il nostro territorio - da Mongrando a Occhieppo, passando per Biella centro e  il Brich di Zumaglia. fino al Ricetto di Candelo - è un vero co-protagonista nel lavoro scritto dalla conterranea Giulia Coppa, aspirante scrittrice di professione di 22 anni iscritta alla Facoltà di Lingue Straniere Moderne all’Università “Avogadro” (in foto). Ecco allora che ciò che i nostri posti acquistano, nel libro appena pubblicato dalla studentessa, può dirsi, in sintesi: atmosfera da “fantasy”.

Questo il genere sotto la cui etichetta può venire inquadrato “La gloria del sangue - Il clan della Immanem, l’Immortale”, per il quale Giulia Coppa ha creato un personaggio principale - Alessia che poi scoprirà di essere Aletcsa - e un vero e proprio mondo “sotterraneo”, che corre nelle profondità  delle catene montuose più concentrate del pianeta e che vede il Biellese anticamera della “Cattedrale” valdostana, sotto alle Alpi e al Monte Bianco. Un mondo fatto di creature dagli speciali poteri e dalle atipiche sembianze, in cui Alessia farà i conti con la sua nuova identità, le sue origini e il suo futuro. E un amore che dà il “la” alla vicenda e così la chiude, in un finale aperto, che - assicura l’autrice - sarà seguito da un secondo libro, già in fase di stesura.

Giulia Coppa presenterà il libro: il 18 agosto, a Villa Cernigliaro, a Sordevolo, alle 18; il 21 al Lanificio Botto, a Miagliano, alle 17. Per altre informazioni, consultare la pagina Facebook “La gloria del sangue”.

Giovanna Boglietti