I baschi blu salvano la vita a un giovane detenuto

I baschi blu salvano la vita a un giovane detenuto
23 Marzo 2017 ore 13:02

BIELLA – Ha meno di trent’anni e un brutto segno nel collo. Poche ore fa voleva farla finita. C’era quasi riuscito, nella cella del carcere di viale dei Tigli che divide con due compagni, in quel reparto a vigilanza attenuata che vede per otto ore al giorno aprirsi i portoncini blindati e lasciare ai detenuti la possibilità di circolare per il lungo corridoio. Non è riuscito a uccidersi, è stato salvato in tempo: una manciata di secondi in più e sarebbe stata la fine. Le urla dei suoi compagni e la professionalità dei Baschi azzurri della Polizia penitenziaria in servizio quella notte, hanno strappato dal limbo quel giovane che è ora ricoverato in ospedale a Biella. Per i medici, il detenuto, origini nordafricane, è fuori pericolo e presto potrebbe essere dimesso.
Valter Caneparo

Leggi di più sull’Eco di Biella di giovedì 23 marzo 2017

BIELLA – Ha meno di trent’anni e un brutto segno nel collo. Poche ore fa voleva farla finita. C’era quasi riuscito, nella cella del carcere di viale dei Tigli che divide con due compagni, in quel reparto a vigilanza attenuata che vede per otto ore al giorno aprirsi i portoncini blindati e lasciare ai detenuti la possibilità di circolare per il lungo corridoio. Non è riuscito a uccidersi, è stato salvato in tempo: una manciata di secondi in più e sarebbe stata la fine. Le urla dei suoi compagni e la professionalità dei Baschi azzurri della Polizia penitenziaria in servizio quella notte, hanno strappato dal limbo quel giovane che è ora ricoverato in ospedale a Biella. Per i medici, il detenuto, origini nordafricane, è fuori pericolo e presto potrebbe essere dimesso.
Valter Caneparo

Leggi di più sull’Eco di Biella di giovedì 23 marzo 2017

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno