IL CASO

Falsi annunci di lavoro: “Chiedono soldi per un servizio gratuito”

L'allarme diffuso dal Centro per l'Impegno di Biella. I casi sono stati segnalati dalla Rete Eures alla Polizia Postale.

Falsi annunci di lavoro: “Chiedono soldi per un servizio gratuito”
Biella Città, 29 Agosto 2020 ore 07:01
Ennesimo tentativo di truffa su Eures, la Rete europea di servizi per l’impiego. A diffondere la notizia il Centro per l’Impiego di Biella.

La truffa

Secondo le segnalazioni arrivate, “a chi aderisce alla proposta di lavoro è stato richiesto l’invio di documenti d’identità e l’indebito versamento di una somma in denaro a titolo di copertura di spese di assistenza giuridica e sanitaria”.
Eures ha denunciato alla Polizia Postale i falsi annunci di offerte lavoro, precisando che i servizi offerti sono completamente gratuiti.

I consigli

La Polizia Postale consiglia di: diffidare delle offerte tramite l’invio di mail e non precedute da alcuna richiesta; di richieste in denaro finalizzate alla copertura di ipotetiche “spese” per l’avvio dell’istruttoria; di rifiutare richieste di apertura di conti correnti per “facilitare” trasferimenti di denaro e la richiesta di reclutamento di altri soggetti cui rivolgere la medesima offerta di lavoro (cd schema  “piramidale”) o offerte contrattuali particolarmente vantaggiose dal punto di vista economico.

In presenza di uno di questi elementi è consigliabile non fornire dati personali.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno