Ultima ora

Espulso dal territorio nazionale fa nuovamente ingresso illegalmente: arrestato a Biella un cittadino albanese

L'uomo era stato espulso dalla Provincia di Biella circa tre anni fa; aveva poi fatto ritorno in Italia passando attraverso il confine austriaco.

Espulso dal territorio nazionale fa nuovamente ingresso illegalmente: arrestato a Biella un cittadino albanese
Pubblicato:

La Polizia di Stato ha tratto in arresto un uomo di 37 anni originario dell’Albania a seguito del suo reingresso nel territorio nazionale senza la prevista autorizzazione. Circa 3 anni fa l’uomo era stato espulso dal territorio nazionale con un provvedimento emesso dal Prefetto della Provincia di Biella ed eseguito dagli operatori della Polizia di Stato tramite l’accompagnamento alla frontiera area di Roma-Fiumicino. Il trentasettenne, dunque, veniva rimpatriato per poi fare ingresso nuovamente nel territorio nazionale.

Espulso dal territorio nazionale fa nuovamente ingresso illegalmente

Nella giornata di mercoledì 07 febbraio 2024 lo stesso, recatosi presso gli Uffici della Questura autonomamente, veniva sottoposto ad accertamenti dai quali emergeva l’irregolarità del suo reingresso nel territorio nazionale. In particolare si appurava che l’uomo era rientrato nel territorio già nel 2021 attraverso il confine austriaco utilizzando un diverso cognome per poi presentarsi presso la Questura di Biella per richiedere informazioni in merito al possibile rilascio di un permesso di soggiorno.

Arrestato il cittadino albanese: arriva la condanna (sospesa con la condizionale) a 5 mesi

Stante l’assenza dell’autorizzazione al reingresso, sentito il Sostituto Procuratore di turno, il trentasettenne è stato arrestato e su disposizione del PM collocato agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza. Nella giornata di giovedì 08 febbraio 2024, su richiesta del Pubblico Ministero, in udienza è stato convalidato l’arresto e tramite il rito del patteggiamento è stata disposta la condanna a cinque mesi di reclusione con pena condizionalmente sospesa.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali